25 ottobre 2013 No Muos Torino

Due gli incontri che ci hanno visto protagonisti in Piemonte, a Novara ospiti del comitato NoF35 e a Grugliasco ospiti della Biblioteca Popolare Il faggio Rosso.

No Muos Torino a Novara

Doveva essere un incontro pubblico informativo e d’opinione da tenersi regolarmente presso uno spazio comunale. Diverse carte e richieste firmate e protocollate per scoprire solo all’ultimo che la sala era stata assegnata ad altri e che le chiavi a disposizione dei No F35 non aprivano nessuna porta. L’ultimo dei diversi tentativi di boicottaggio dell’amministrazione novarese nei confronti del movimento. Ma non ci siamo lasciati assolutamente scoraggiare, anzi ci è stata data un’opportunità anche migliore, quella di svolgere il nostro incontro e denunciare l’accaduto in pubblica piazza. All’incontro ci hanno raggiunto anche le compagne del comitato No Muos Milano.

Ricordiamo a tutti che:

  • Il programma MUOS ha come principale contractor la Lockheed Martin, il colosso a capo del dissennato programma dei cacciabombardieri F-35.
  • Usare denaro pubblico per le spese militari è inutile e va a vantaggio solo di pochi interessati, tra l’altro, a fomentare ulteriori guerre per accrescere la loro ricchezza.
  • Né il MUOS né gli F35 né le basi militari NATO o non-NATO garantiscono in alcun modo maggiore sicurezza, libertà e prosperità del territorio italiano.

 

No Muos Torino a Grugliasco

L’appuntamento di Grugliasco è stato organizzato in collaborazione con l’ANPI e con i ragazzi della Biblioteca Popolare “Il faggio Rosso”, un accogliente punto di ritrovo e aggregazione che promuove attività formative e culturali al fine di stimolare il dibattito su temi di grande attualità politica e sociale, spesso tralasciati o poco approfonditi dai media e dal dibattito pubblico. L’idea alla base della serata è stata quella di conoscere più da vicino tre realtà di lotta – NO MUOS, NO TAV e NO DAL MOLIN – e di rintracciare il filo conduttore che unisce questo tipo di movimenti facendoli convergere su una serie di principi che si spingono oltre la mera opposizione alla realizzazione di questa o quell’opera, esprimendo – piuttosto – una nuova domanda di senso rispetto al concetto di cittadinanza e al ruolo che ciascuno di noi ha nel determinare le sorti proprie e del territorio in cui vive. Non NIMBY, quindi, ma dei “NO” che diventano simboli della difesa dell’interesse collettivo in senso più ampio, al di là della specificità delle singole istanze e rivendicazioni.

Le domande che hanno informato il dibattito:

  • Perché dalla ValSusa a Niscemi, passando per Vicenza e molte altre località, si è creato un filo conduttore che ha idealmente unito questi movimenti permettendogli di assumere un’identità quasi unica? Quali sono le ragioni che motivano questa unicità? E in nome di cosa bisogna intervenire contro il compimento di queste opere?

Quel che ne è venuto fuori è stato un dibattito intenso e talmente ricco di input che sarebbe stato impossibile venirne a capo nella sola serata di venerdì scorso. Per questo, ci si è rimandat

i ai prossimi appuntamenti.

 

Stay tuned e NO MUOS!

Comitato No Muos Torino

 

Foto del profilo di comitato di base di Milano e Torino
About comitato di base di Milano e Torino 9 Articles
***TORINO*** Il Comitato No Muos Torino è un gruppo nato per promuovere la lotta al progetto MUOS. L'obiettivo è quello di sostenere il Movimento e il Presidio Permanente No MUOS sito in C/da Ulmo a Niscemi (CL), nato spontaneamente a Novembre su iniziativa dei Comitati No MUOS e partecipato da centinaia di cittadini provenienti da tutta la Sicilia e non solo. Il Comitato No Muos Torino aderisce alla Carta d'Intenti del Coordinamento e solidarizza con i movimenti No Radar, No Tav, No Dal Molin e tutti quelli che hanno a cuore il bene comune e un futuro di pace. Perchè NO: - perché è pericoloso per la salute dei cittadini - perché è dannoso per l'ambiente circostante - perché è un'arma di offesa militare e perché la nostra costituzione ripudia la guerra - perché crediamo in un modello di sviluppo sostenibile che faccia a meno dell'industria delle armi - perché è illegale tutta la base militare già adesso in funzione, secondo la normativa nazionale ed europea in materia di tutela ambientale A cosa diciamo SI: - alla valorizzazione del patrimonio e delle risorse del territorio - alla tutela dell'ambiente e della salute - alla smilitarizzazione di tutto il territorio italiano - alla Sicilia come punto di riferimento per un Mediterraneo di PACE - a un'Italia libera e democratica - alla difesa del diritto di TUTTI i cittadini ad opporsi alle decisioni pubbliche che ritengono umilianti per il territorio in cui vivono e lavorano https://www.facebook.com/nomuostorino ***MILANO*** in aggiornamento https://www.facebook.com/nomuosmilano

Be the first to comment

Rispondi