Campeggio No Muos 2015 (in aggiornamento)

05/08

In anticipo sui tempi previsti cadono giù le reti della base militare Usa di contrada Ulmo a Niscemi. Durante la notte, muovendosi per il bosco, decine di No Muos hanno sfidato i sistemi di protezione della base, i mezzi militari e le ronde della polizia italiana e sono riusciti ad aprire alcuni varchi nella recinzione della base. Insomma, un fuori programma che inaugura il campeggio di lotta 2015.

IMG_20150806_014113 IMG_20150806_014636 IMG_20150806_014652

06/08

Durante la mattinata alcuni attivisti del campeggio hanno effettuato un massiccio volantinaggio presso il mercato settimanale di Niscemi.

Il primo giorno di campeggio di lotta nomuos in presidio permanente si è aperto con l’arrivo , fin dalla mattina , di attiviste e attivisti da diverse città,  siciliane e non. Nonostante la forte pioggia del pomeriggio, il presidio ha continuato a riempirsi ed in Largo Malerba si è svolto,  cone previsto,  il banchetto MaceroNO.macerono piccola11825601_985311328203253_1209682367811993982_n
Dopo il rientro in presidio, durante la notte, decine di attiviste e attivisti si sono diretti verso la base per una rumorosa passeggiata di disturbo ai militari di guardia alla base fino al cancello quattro. I cori, i canti e le reti battute dai nomuos hanno disturbato per almeno due ore i militari all’interno della base, che hanno seguito a passo d’uomo la passeggiata dei nomuos.
Con questa azione di disturbo, le attiviste e gli attivisti nomuos hanno voluto certamente disturbare la notte di guardia degli occupanti americani, ma anche rivendicare la legittima libertà di percorrere le strade della sughereta, ribadendo che i territori sono di chi li abita. Infatti, nonostante le nuove forme di difesa della base che la US Navy ha escogitato nell’ultimo periodo (dall’installazione di un faro che illumina una parte del perimetro della base e del presidio permanente,  al posizionamento di chilometri di filo israeliano a ridosso delle reti), le azioni di disturbo e danneggiamento della base sono continuate, come il taglio delle reti di due giorni fa e la passeggiata della notte appena trascorsa.

07/08

11855653_985547678179618_5553651353712066551_n

11794459_420374391485872_3703053293652531664_o

11855813_985716151496104_2887017230980730644_n

Il secondo giorno del campeggio nomuos al presidio permanente d Contrada Ulno è stato caratterizzato da diversi incontri. Alla mattina un’assemblea di confronto fra diverse realtà regiinali di resistenza territoriale. Al pomeriggio invece varie esperienze antimilitariste di tutta Italia hanno affrontato il teme dell’antimilitarismo e dell’antimperialismo, legandolo alle resistenze che oggi nel Rojava, in Ucraina e in Palestina si battono per rivendicare la propria autodeterminazione.
Ai campeggianti però non è sfuggito il forte schieramento di forze dei mezzi della polizia fuori dalla base, caratterizzato da un continuo via vai di polizia, digos e celere, e da un consistente numero di posti di blocco. Disturbati da questo ulteriore ed inutile controllo del territorio,  nella notte sono state innalzate due barricate lungo le strade che permettono l’accesso alla Contrada Ulmo e un blocco stradale ha animato l’ingresso del campeggio. Per un paio d’ore quindi le strade della contrada sono state riconquistate dai campeggianti e liberate dalla massiccia e invasiva presenza delle forze dell’ordine.

IMG_20150808_035947CL4L2fQWoAEeLlALiberate le strade della contrada,un gruppo di attivisti si è quindi diretto verso le reti della base,  raggiungendo il tratto illuminato dal faro. Lì,  sono stati tagliati dei pezzi di rete e il filo israeliano, segno questo che i nuovi metodi di controllo del territorio circostante la base sono del tutto fallimentari. Un fitto lancio di palloncini d’acqua,  uova di vernice e sassi ha poi risposto all’arrivo dei mezzi della polizia e di quelli americani.
Questo secondo giorno di campeggio è stato molto ricco. Da un lato infatti sono stati affrontati nuovi ragionamenti circa il legame che sussiste tra la lotta nomuos e altre forme di resistenze territoriali,  siano esse in Rojava,  Ucraina,  Palestina o Sicilia.  Dall’altro lato, la notte di attività esterne al campeggio ha dimostrato ai militari americani e all’apparato di forze dell’ordine che la determinazione e la voglia di riconquistare spazi di libertà, per troppo tempo negati e militarizzati, non possono essere fermati da reti, fari, posti di blocco e filo israeliano.
In questo modo si addormenta il campeggio, il giorno prima della manifestazione che partirà alle ore 15.00 dal presidio di Contrada Ulmo.
Contro il MUOS, la militarizzazione e l’imperialismo, il campeggio  continua.

20150808_050258 20150808_050804 20150808_050331
20150808_050446

20150808_05100811811466_986122464788806_9148196380930415619_n

8/8

11792010_754662377970982_7774323451799483769_o11782321_503892479764798_3306507415688859005_o

Intanto gli artisti Luca Prete e Collettivo Fx regalano a Niscemi una nuova opera nel quartiere Sante Croci. L’opera si trova a pochi passi dal disegno realizzato da Blu, in un quartiere franato e abbandonato dalle istituzioni. Ancora una volta riqualifichiamo, difendiamo e valorizziamo il territorio contro le logiche speculative e di militarizzazione che vorrebbero devastare e depredare le periferie.

MANIFESTAZIONE

h 15,45Il corteo è partito dal Presidio No Muos.11811357_10154196170119569_3947645413991355909_n 11822319_986248414776211_4123523851363694865_n 11825621_986311464769906_1510606434751820145_n
11811323_10154195722619569_4185811491068452475_n 11822730_986248291442890_1822608064758962865_n

18,30 Il corteo ha inizialmente effettuato la tradizionale battitura reti per poi decidere di tagliare una parte della recinzione davanti gli occhi dell’imponente spiegamento delle forze dell’ordine.

 

11825746_986247778109608_7408602489728409439_n11870904_10154196136519569_8664205875179164344_n

Nonostante la forte pioggia battente gli attivisti hanno deciso di proseguire verso il Muos, sfidando i divieti della questura e arrivando in cima alla collina. Un’altra grande giornata di lotta contro la militarizzazione del territorio, contro le imposizioni.

11870804_421203124752186_8116160197396954128_n11802670_779815608794061_2735343218514348795_o

 

Cartello apparso davanti l’abitazione di un residente in contrada Ulmo. L’uomo vive, insieme alla propria famiglia, in prossimità delle antenne. A causa di patologie cardiache Salvatore è costretto a usare un pacemaker. A causa delle onde elettromagnetiche però continua a non funzionare, necessitando di costanti revisioni e reinizializzazioni. Per noi ha ragione Salvatore: la salute vale più degli interessi bellici! 11224366_986626604738392_5888045067288266982_n

NEW YORK

Un ponte di solidarietà fra New York e Niscemi: la battaglia dei no muos oltrepassa l’oceano. Nel corso della manifestazione contro la guerra svoltasi a New York, in contemporanea alla manifestazione di Niscemi,  si è formato un presidio di solidarietà e informazione contro il Muos. No Muos Ovunque! CL560A6XAAACW1Y

 

09/08

11012461_504229893064390_5074241850394485337_n

Oggi, in occasione dei festeggiamenti della patrona di Niscemi, la Madonna del bosco, Luca Prete e Collettivo FX ci regalano “La Madonna della Sughereta” contro il Muos.

Un enorme grazie ai due artisti.

 

1 Trackback / Pingback

  1. Niscemi 2015: fermare il Muos, fermare la guerra | Fino alla vittoria

Rispondi