Danni esistenziali del MUOS. Allarme degli psicoteraputi

IN SICILIA GLI PSICOTERAPEUTI HANNO DISCUSSO DI PARABOLE MUOS

Ieri sera all’interno del Meeting Annuale dell’Istituto di Psicoterapia della Gestalt HCC Italy, tenutosi a Catania presso l’Hotel Nettuno, è stato proiettato il docu-film “Io sono contro il Muos”. Dopo la proiezione il regista del film Enzo Rizzo e il video maker suo collaboratore Sergio Mustile hanno incontrato gli psicoterapeuti provenienti da diverse regioni italiane discutendo del movimento No Muos, delle parabole satellitari militari in costruzione a Niscemi e delle 46 antenne funzionanti. La visione del film ha suscitato tra i presenti rabbia ed emozione e dopo la visione del film si è acceso un intenso dibattito anche sulle ultime vicende del Muos e sulle ultime scelte del Governatore Crocetta di far riaprire i cantieri. Diversi psicoterapeuti provenienti dal centro nord (Lombardia, Veneto, Liguria) sono rimasti colpiti dal silenzio mediatico dei mezzi di informazione nazionali attorno a questa vicenda: hanno sottolineato che “vaste aree del Paese non conoscono la drammatica vicenda Muos e gli operatori dell’informazione nazionale potrebbero fare di più”. Il direttore dell’Istituto, Margherita Spagnuolo Lobb, è rimasta colpita dalla passione degli attivisti No Muos e in particolar modo delle mamme e ha sottolineato la natura nonviolenta delle diverse azioni No Muos riprese nel film impegnandosi a mandare video e materiale cartaceo ai colleghi psicoterapeuti americani di New York: “Anche loro devono sapere e spero che aprano un dibattito negli USA sulle tecnologie di guerra e i droni militari”. Michele Ammirata, psicoterapeuta di origini palermitane, ha intravvisto nelle tecniche collettive nonviolente degli attivisti un utilizzo intelligente dei corpi che ha esaltato il concetto di gruppo e di comunità. Peppe Cannella, attivista No Muos e psichiatra e psicoterapeuta, nel suo intervento ha richiamato il concetto di responsabilità che dovrebbe avere ogni cittadino: “Essere psicoterapeuta ed essere cittadino del mondo sono dimensioni inscindibili. Non possiamo tacere come esperti della salute mentale sui potenziali danni organici e psicologici che potrebbero essere provocati dalle onde elettromagnetiche e dobbiamo far emergere i cambi disfunzionali di abitudini che sta causando il cantiere del Muos a Niscemi. Madri e bambini, soprattutto, hanno sviluppato in questi mesi livelli alti di ansia, irritabilità e insonnia. La stessa idea di avere a pochi chilometri tre torri gigantesche che ospitano parabole militari è fonte di stress e di intense preoccupazioni: in atto è registrabile un vero e proprio danno esistenziale”.

Catania, 27 Luglio 2013

Foto del profilo di Coordinamento Regionale Comitati NO MUOS
About Coordinamento Regionale Comitati NO MUOS 243 Articles
Il Coordinamento Regionale dei comitati NO MUOS è un'aggregazione di comitati NO MUOS che si sono formati in Sicilia negli ultimi anni. Esso nasce dall'esigenza di dar vita ad una serie di iniziative comuni e diffuse riguardanti l'informazione sul MUOS e l'opposizione all'istallazione di questo impianto in modo da estendere quanto più possibile la mobilitazione sviluppata in ogni paese.

Be the first to comment

Rispondi