GLI ATTIVISTI NO MUOS OCCUPANO IL CONSIGLIO COMUNALE DI CALTAGIRONE

 

 

Il Comitato No Muos Ondevitare e il Comitato Mamme No Muos Caltagirone, in risposta alla Revoca  della Revoca del Pres. Crocetta, si unisce alla protesta del Comitato No Muos di Niscemi OCCUPANDO il Consiglio comunale di Caltagirone,

Durante i lavori del Consiglio comunale di questa sera i capigruppo  hanno invitato gli attivisti no muos presenti in aula ad esporre le motivazioni dell’occupazione e le relative richieste. Verso la mezzanotte, dopo una riunione tra gli attivisti, il Consiglio Comunale ha sottoscritto una richiesta preliminare predisposta dai Comitati (e qui allegata), che vincola il Consiglio stesso a convocare una seduta straordinaria, aperta e in luogo pubblico, durante la quale dovrà essere approvato un documento che vincoli l’Amministrazione di Caltagirone e tramite questa l’Amministrazione Regionale. Inoltre è stato chiesto alla Giunta e al Consiglio comunale di assumere formalmente (ed effettivamente) l’impegno a partecipare alle prossime iniziative organizzate dai comitati e in particolare alla Manifestazione NO MUOS prevista per il 9 agosto.

I Comitati intendono chiarire che l’occupazione andrà avanti ad oltranza, almeno fino a quando le richieste avanzate non saranno soddisfatte.

Invitiamo tutti i Comitati NO MUOS a proseguire la lotta contro il MUOS-tro di Niscemi occupando il proprio comune, impegnando le istituzioni locali e richiedendo l’approvazione del documento di seguito allegato.

 

Caltagirone 29 Luglio 2013

 

 

Al Consiglio e alla Giunta del Comune di Caltagirone

I Comitati (Mamme e OndEvitare) No Muos di Caltagirone inoltrano le seguenti richieste:

  1. Chiarimenti da parte della Giunta Regionale in ordine alla mancata considerazione della relazione sull’impatto del MUOS sulla salute prodotta dai periti nominati dallo stesso Presidente della Regione, dott. Palermo e prof. Zucchetti.
  2. La redazione di una relazione che metta a confronto in maniera approfondita  lo studio dell’Istituto Superiore di Sanità e il documento prodotto dagli esperti nominati dalla Regione.
  3. L’esibizione della richiesta scritta (sempre se esiste) di risarcimento, pari a 18 miliardi di dollari, presentata dagli USA nei confronti della Regione Siciliana.
  4. Chiarimenti relativi alle interferenze tra le onde del MUOS e le apparecchiature destinate all’utilizzo da parte dell’aviazione civile, in particolare quelle relative all’aeroporto di Comiso, dato che l’ENAV stesso ha dichiarato che due rotte su quattro risultano già compromesse.
  5. L’apposizione dei SIGILLI alla Base U.S. Navy di c.da Ulmo, anche perché dal 19 giugno si trova sprovvista delle autorizzazioni paesaggistiche e ambientali (VIA) e un’ ISPEZIONE ai diversi containers presenti nel sito militare di Niscemi.
  6. La convocazione di una SEDUTA STRAORDINARIA DEL CONSIGLIO COMUNALE, APERTA E IN LUOGO PUBBLICO, entro l’8 agosto.

 

Foto del profilo di Comitato di Caltagirone "ondEvitare"
About Comitato di Caltagirone "ondEvitare" 25 Articles
Il Comitato No MUOS -ondEvitare- di Caltagirone nasce nel maggio del 2012 da un gruppo di ragazzi/e che oltre alla lotta contro il MUOS condividono gli obiettivi dell'aggregazione e dell'attivismo politico. Ha dato vita assieme ad altri comitati siciliani al Coordinamento Regionale no muos. L'assemblea del comitato si tiene ogni primo venerdì del mese, al Villino Milazzo (Caltagirone), alle h18,30.

1 Trackback / Pingback

  1. No Muos: mobilitazione dal 5 all’11 Agosto. Il 9 tutti a Niscemi per il corteo fino alla base | NoGeoingegneria

Rispondi