I° Giro NO MUOS, un messaggio denso di significati lungo 100 Km.

10505316_958961850838201_8703121010452858489_n

1624066_10153396703216499_186449637_o

Si è svolto oggi la prima edizione del “Giro No Muos”. La passeggiata in bicicletta è partita da Catania per poi toccare Caltagirone e Niscemi. Attivisti, mamme e avvocati No Muos, semplici appassionati di bicicletta hanno dato vita a una manifestazione colorata fino ai cancelli della base.

L’evento è stato fortemente voluto da Nello Papandrea, legale dei comitati No Muos, in collaborazione con le Mamme No Muos di Caltagirone, l’associazione “Biciclette Retròvate” di Niscemi e i comitati No Muos.

 

Qui il commento della giornata da parte dell’avvocato 11147235_690193051126945_1647360647733519089_oPapandrea:

A volte un gesto semplice come inforcare una bicicletta può avere un significato. Perché in fondo siamo noi a dare un significato alle cose che facciamo. E se sei No MUOS un significato da dare ce l’hai sicuramente! Allora andare in bicicletta vuol dire essere padroni del proprio territorio, reclamare la libertà di andare dove vuoi senza restrizioni, ma anche che vuoi una gestione sana di quel territorio, senza inquinamento, attenta alla salute, alla natura, al paesaggio. Se poi pedali raccogliendo ma mano tutti quelli che vogliono venire con te, vuol dire accoglienza, amicizia, pace. Così nasce la lunga cavalcata che si è svolta oggi, il primo Giro No MUOS, con partenza da Catania e passaggio da Caltagirone per concludersi a Niscemi, C.da ULMO. Un gruppo di ciclisti sparuto in partenza (partire alle 6 di mattina per fare più di 100 Km. in bicicletta magari non attira tutti), ma che man mano si è ingrossato, strada facendo, entrando a Niscemi festante, per raggiungere in piazza Vittorio Emanuele II e da lì ripartire per C.da ULMO. In questo lungo percorso è stato mandato un messaggio: ci siamo, siamo tanti, siamo perseveranti, non ci stanchiamo, non ci fermiamo di fronte alle difficoltà, arriviamo ai nostri obiettivi. Un messaggio lungo 100 Km che speriamo arrivi dritto al Console Barrosse. Se c’è chi perde la pazienza, c’è anche, chi dall’altro lato non lascia né intimorire né scoraggiare e continuerà a pedalare fino al traguardo finale.

Be the first to comment

Rispondi