IL 9 AGOSTO E’ OGNI GIORNO

Il 9 agosto del 2013, il popolo No Muos fece il suo primo ingresso in massa all’interno della base NRTF di Niscemi, facendo segnare in rosso, su tutti i calendari militanti, una data che difficilmente chi c’era potrà scordare.

 

Ad un anno di distanza gli ‘stati uniti nella distruzione’, Italia e Usa, dimostrano di ricordare altrettanto nitidamente la bruciante sconfitta subita in quella storica giornata di lotta: fogli di via, divieti di dimora, trattative per le autorizzazioni prolungate, denunce ad orologeria, intimidazioni fisiche e verbali sono il collaudato metodo repressivo anche stavolta messo in atto perchè non fosse più ‘9 agosto’.

Oltre a questo, i militanti No Muos, in vista del campeggio, hanno dovuto inevitabilmente affrontare il problema del confronto tra l’anno passato e quello che sarebbe successo in questo 2014.

 

Il corteo partito dal presidio ha visto però ben più di un migliaio di persone sfilare sulle strade intorno alla base, resistenti per il solo fatto di essere presenti tra caldo, sabbia e polizia, e provenienti da un gran numero di realtà e territori distanti anche migliaia di chilometri.

Un’enorme bandiera palestinese ha reso il colpo d’occhio ancor più sorprendente,

così come i continui riferimenti alle lotte antimilitariste hanno fatto crescere esponenzialmente la rabbia e la carica emotiva durante l’intero corteo.

 

Scontata diventa la voglia di far breccia in quelle reti per l’ennesima volta in questi anni, come era scontata la volontà di raggiungere i compagni che occupavano le antenne, ed era scontato l’ennesimo tentativo patetico e disorganizzato delle forze del disordine di fermare l’avanzata No Muos.

 

Nell’ingresso in base, nella passeggiata tra le colline da cui solo alberi di sughero dovrebbero innalzarsi, nel raggiungere i compagni sulle antenne e nella resistenza a manganellate, fermi e sgomberi forzati, tutta la volontà dei No Muos di dimostrare agli innumerevoli detrattori del movimento, interni ed esterni, che questa lotta è tutt’altro che finita, e che la rotta è segnata.

 

Nell’esprimere sempre fermamente assoluti odio e disprezzo per la guerra, gli eserciti, gli stati che compiono genocidi e devastano territori ogni giorno, e i popoli che ogni giorno volgono lo sguardo altrove con indifferenza, gridiamo che il 9 agosto è ogni giorno, perchè sempre più spesso si violino i limiti posti dalle reti, perchè da giornate come queste non si smetta mai di prendere esempio per spiccare balzi in avanti nelle prospettive di lotta.

 

Sempre complici e solidali con i feriti e i fermati: ora e sempre NO MUOS!!

 

Comitato No Muos Palermo

2 Trackbacks / Pingbacks

  1. IL 9 AGOSTO E’ OGNI GIORNO | Resistente
  2. IL 9 AGOSTO E’ OGNI GIORNO | Resistente

Rispondi