Il fronte di lotta al MUOS si estende anche a livello legale

La forte e determinata azione dei comitati contro le 46 antenne NRTF e contro la realizzazione del MUOS, che in questi mesi ha creato un fortissimo movimento di resistenza a quella che è una vera e propria aggressione ai diritti fondamentali di una popolazione, allarga il proprio fronte di opposizione, sostenendo l’intervento di un gruppo di cittadini niscemesi nel procedimento al TAR di Palermo. Si tratta del procedimento n. 808/2013 promosso dal Ministero della Difesa avverso la revoca delle autorizzazioni alla costruzione dell’impianto satellitare all’interno della sughereta di Niscemi, firmata dalla Regione Siciliana lo scorso 29 marzo. Il Ministero della Difesa, facendosi portatore degli interessi militari ed economici esclusivi della marina militare degli Stati Uniti, con il ricorso richiede non solo l’annullamento del provvedimento di revoca, che è un atto chela Regioneha emanato per adempiere ad una serie di norme e per esercitare la tutela del diritto alla salute dei cittadini, ma anche un risarcimento danni di 25.000 euro al giorno dal 29 marzo per l’interruzione dei lavori (cosa in realtà mai avvenuta) e una somma da quantificare a titolo di risarcimento danni per “l’incidenza negativa sui rapporti Italia-Usa e Italia e paesi Nato”. Pertanto, un gruppo di cittadini residenti a Niscemi, a pochissimi chilometri dalla base militare, che hanno tutto l’interesse all’effettiva messa in atto del provvedimento di revoca, sono adesso parte del procedimento al Tar, attraverso un atto di intervento, a sostegno della revoca della Regione, e in opposizione al ricorso del Ministero della Difesa, così come aveva già fatto nei giorni scorsi Legambiente e come ha fatto oggi anche il Comune di Niscemi. Venerdì 10 maggio si terrà la camera di consiglio relativa alla concessione della sospensiva della revoca chiesta dal Ministero.

L’azione legale promossa dal gruppo di cittadini niscemesi è un tassello in più che si aggiunge alla mobilitazione permanente messa in campo dai comitati e dagli attivisti in questi mesi e che rafforza l’obiettivo del movimento No MUOS: smilitarizzare una riserva naturale e liberare il territorio da uno strumento di guerra, inquinante e pericoloso per le persone e per l’ambiente, per difendere il proprio diritto alla salute, alla pace e all’autodeterminazione.

Foto del profilo di Coordinamento Regionale Comitati NO MUOS
About Coordinamento Regionale Comitati NO MUOS 244 Articles
Il Coordinamento Regionale dei comitati NO MUOS è un'aggregazione di comitati NO MUOS che si sono formati in Sicilia negli ultimi anni. Esso nasce dall'esigenza di dar vita ad una serie di iniziative comuni e diffuse riguardanti l'informazione sul MUOS e l'opposizione all'istallazione di questo impianto in modo da estendere quanto più possibile la mobilitazione sviluppata in ogni paese.

Be the first to comment

Rispondi