Marines e mamme No Muos

Mamme siciliane e marines americani: binomio alquanto improbabile fino a poco tempo fa e che, invece, è realtà osservabile a Niscemi. Lunedì 18 febbraio 2013, ore 14.00, di fronte all’ingresso della base della Marina Militare USA in contrada Ulmo a Niscemi, mamme di ogni età, arrivate in massa dopo un frenetico tam tam telefonico, attendono i mezzi che, partiti da Sigonella, trasportano un quindicina di Marines degli Stati Uniti e un cane da guardia che si avvicenderà con un altro animale. Gli americani arrivano e passano il blocco delle mamme NO MUOS solo dopo che le signore hanno controllato cosa trasportano nelle loro grandi vetture: una scena che nessun tg nazionale farà mai vedere ma che ha segnato oggi un’ ulteriore traccia in questa pagina della storia siciliana di cui pochi osservatori stanno cogliendo la rilevanza. Mamme di Niscemi e i marines del più grande esercito del mondo: si guardano, sotto gli occhi del questore e degli agenti della Digos, e, pur nella tensione palpabile, rispettano quanto è stato nei giorni scorsi pattuito, dopo una lunga e non facile trattativa condotta con la mediazione delle forze dell’ordine. Le mamme e gli attivisti no MUOS garantiscono il passaggio dei marines per il cambio dei soldati nella base di Niscemi a condizione che essi non trasportino materiale e operai per l’installazione delle enormi parabole del MUOS. E così, oggi, il cambio dei militari USA può avvenire sotto lo sguardo attento delle signore e dei rappresentanti del movimento No MUOS siciliano che attendono pazienti anche l’uscita dei mezzi dei soldati che hanno terminato da tempo il turno ma che erano stati bloccati nei giorni precedenti dai manifestanti. Una lieve insoddisfazione viene espressa da qualcuno per il numero giudicato eccessivo dei soldati che sono entrati nella base, ma, tutto sommato, aleggia un diffuso sentimento di guardinga soddisfazione verso l’esito della trattativa.
Si guarda già all’indomani, a martedì 19 febbraio, quando Crocetta, il presidente della regione, incontrerà alle 17.00 il movimento presso il Centro Sociale Liardo prima di una manifestazione elettorale. “Chiederemo un impegno forte della regione verso il futuro governo”, affermano in molti, convinti che le prossime partite si giocheranno in ambito nazionale. E alcuni tra i manifestanti e le mamme ricordano come proprio i maggiori big, tra cui Bersani, non abbiano voluto esprimersi pubblicamente sulla vicenda del MUOS di Niscemi durante questa campagna elettorale. Quale sarà la loro posizione?

(Antonella Santarelli)

Foto del profilo di Comitato di base di Piazza Armerina
About Comitato di base di Piazza Armerina 55 Articles
Il Comitato No MUOS di Piazza Armerina si riunisce in ambito cittadino per la prima volta nell’aprile del 2012; in precedenza, singoli cittadini o gruppi di giovani, in particolare, avevano partecipato a iniziative e a giornate di mobilitazione nella città di Niscemi. Il comitato è, dunque, la risposta all’esigenza, manifestata da tanti, di conoscersi, condividere e programmare iniziative a livello cittadino. Il comitato armerino è parte attiva del Coordinamento Regionale dei Comitati No MUOS, il cui atto fondativo è la Carta di Intenti, approvata, dopo un lungo e articolato dibattito, nel mese di ottobre a Piazza Armerina dai comitati aderenti siciliani. Il primo grande evento organizzato dal nostro comitato si è tenuto il sei luglio 2012 presso il Chiostro Sant’Anna: al convegno pubblico sul MUOS hanno partecipato numerosi cittadini, in qualità di relatori Antonio Mazzeo e attivisti provenienti da Niscemi e Modica (Peppe Cannella ed Enzo Traina), le amministrazioni di Niscemi e Piazza Armerina, associazioni come Pax Christi, Emergency e altre. Oltre alla partecipazione alle numerose manifestazioni indette a Niscemi e alla presenza, mai sufficientemente ampia, al presidio presso Contrada Ulmo, tra le iniziative più rilevanti realizzate dal comitato vi sono: 1) incontro, con esponenti del comitato di Niscemi, con il consiglio provinciale di Enna che ha approvato il documento contro l’installazione del MUOS (settembre 2012) 2) incontro con il vescovo della Diocesi di Piazza Armerina e con il pastore della Chiesa Cristiana Avventista del Settimo Giorno (ottobre 2012) 3) incontro-dibattito sul MUOS con i deputati regionali eletti in provincia di Enna e nel comprensorio di Caltagirone (novembre 2012) 4) proposta al consiglio comunale di Piazza armerina della mozione contro il MUOS, approvata all’unanimità (gennaio 2013) 5) realizzazione, sabato 19 gennaio ’13, del dibattito pubblico: “La sovranità appartiene al popolo. Il popolo dice no al MUOS di Niscemi”. Hanno risposto ai cittadini sul MUOS Antonio Venturino e Fausto Nigrelli, in rappresentanza delle istituzioni, e Agostino Sella, blogger e giornalista. Moderatore Salvatore Giordano, del comitato No MUOS.

1 Commento

  1. La cosa che più mi ha impressionato del nostro controllo è stato che un militare tentasse di coprire alla bell’e meglio (alla nostra vista) con un giubbotto il cane nella sua gabbia da trasporto dentro il gippone. Quando sono usciti, al posto del cane vispo e riposato, vi era un altro animale, un pastore tedesco esausto, affaticato, evidentemente, dai lunghi giorni di esposizione alle onde elettromagnetiche. Povera bestia aveva bisogno di avvicendarsi con un altro animale. I residenti, però, rimaniamo SEMPRE qui!

Rispondi