MAS CASTELLÓ SGOMBERATA: SOLIDARIETA’ ALLE COMPAGNE E AI COMPAGNI DEL MOVIMENTO NO M.A.T.

MAS CASTELLÓ SGOMBERATA
Mercoledì 16 ottobre, alle 6 e mezza di mattina gli sbirri, mentre cercavano d’entrare dalla porta e non riuscendovi, accedevano all’interno della casa con una scala, rompendo un vetro della finestra della sala da pranzo. Ci hanno chiusx in una stanza e hanno perquisito tutta la casa. La “brigada de información” (tipo digos) si e’ portata via vario materiale (fanzines, un computer, telefoni cellulari, attrezzi…). Una persona e’ stata colpita alla testa mentre tentava di proteggere il
suo cane dalla polizia.
Abbiamo contato piu’ di 10 furgoni della sbirraglia.

Sei persone sono chiamate a dichiarare a Figueres l’l1 novembre, accusate di occupazione e possibile sedizione (ribellione e resistenza contro il governo).

La kasa è stata okupata  continuando  con la energia e la illusione che uscì dal campeggio contro la MAT che si fece a Fellines (Girona),  per dare continuità alla lotta contro la MAT (Tensione Molto Alta), generando un punto d’incontro per condividere esperienze di lotta e una vita in collettivo che esce dagli schemi imposti  dalla società del consumo.

COS’È LA MAT?
La linea di altissima tensione (MAT) è un’autostrada elettrica che trasporta
un carico di minimo 400.000 volt. Si sta costruendo per congiungere tra
essi Stati europei ed il continente europeo con quello africano. Serve per
commercializzare e distribuire eccedenti di energia prodotta da centrali nucleari
e supposte fonti di energie alternative. Allo stesso tempo, è la rete di
cui il capitalismo ha bisogno per alimentare altri progetti ed infrastrutture
di morte e distruzione, come per esempio il Treno ad Alta Velocità (TAV).
I responsabili son quelli di sempre e, difatti, le imprese costruttrici sono
quelle direttamente implicate in altri progetti di distruzione del territorio,
imprese tra le quali spiccano Vinci in Europa e Endesa in America del Sud.

  

NO M.A.T. ! TORRI PIU’ ALTE SONO CADUTE!

http://torresmasaltashancaido.espivblogs.net/

 

Be the first to comment

Rispondi