Solidarietà al popolo curdo. Libertà per Oçalan

stellaAderiamo al corteo di solidarietà con il popolo curdo per la liberazione di Abdullah Oçalan; aderiamo con convinzione ad una manifestazione che innanzitutto riteniamo faccia chiarezza in un momento di confusione, ipocrisia, propaganda e di forte incremento di provvedimenti restrittivi della libertà di tutti e di nuove guerre cosiddette di ”civiltà/religione”; a farne le spese sono sempre più profughi e migranti, capro espiatorio della fortezza Europa, che blinda le frontiere ed è responsabile con le sue leggi liberticide dell’ecatombe di morti in fondo al Mare Mediterraneo.

Mentre veniamo bombardati mediaticamente da messaggi e proclami uniformati dal concetto di guerra necessaria, mentre i nostri territori sono quotidianamente sventrati da politiche speculative e a favore della crescente militarizzazione, da popoli a noi non molto distanti (abitanti fasce di territori in Siria, Turchia, Iraq), Iran, arriva una risposta chiara: l’ISIS può essere sconfitto solo dalla coesione, dall’unità e dalla determinazione di un popolo deciso a liberarsi da un nemico crudele, fanatico e fascista, e dalle catene dello sfruttamento capitalistico, statale e patriarcale. Il popolo curdo, nella regione del Rojava ha ricacciato l’ISIS lontano, nonostante l’appoggio a questi fornito dal collaborazionismo degli Stati Uniti e dallo dallo Stato turco (fuori dall’UE ma membro NATO).

Il messaggio è chiaro: solo i popoli, uniti oltre ogni delega in un progetto di cambiamento rivoluzionario ed egualitario, con le donne in testa, possono affrontare e sconfiggere il capitalismo e i fascismi religiosi, avviando un reale cambiamento sociale in Medioriente da anni afflitto da guerre e conflitti che hanno fatto ricche le multinazionali del petrolio e degli armamenti e le classi al potere nei rispettivi stati.

Riteniamo che quella del PKK e del movimento che da esso scaturisce sia la risposta migliore a chi oggi conduce nuove guerre contro una minaccia terroristica che altro non è che il risultato di decenni di guerre devastanti e predatorie, spesso fabbricata dalle stesse centrali militari/industriali occidentali per difendere, in nome dell’esportazione della “democrazia”, gli interessi delle multinazionali. Al Qaeda ieri, l’ISIS oggi, sono state create, addestrate e finanziate dalla CIA in chiave antisovietica e antisiriana; solo molto tempo dopo si sono autonomizzate, investendo con il loro potenziale militare ogni ostacolo frapposto al loro fanatismo e integralismo. Il recente vertice del G20 in Turchia ha sdoganato il macellaio Erdogan, che alimenta nuovi venti di guerra nel Medioriente e vorrebbe cancellare col terrorismo di stato l’eroica resistenza del popolo curdo.

Questa spirale di guerra e violenza è prodotta da logiche di dominio a cui ci opponiamo. Per questo da anni combattiamo contro il MUOS e contro la militarizzazione della Sicilia e del Mediterraneo, a fianco di tutti i popoli che lottano contro gli imperialismi e i militarismi.

Il 12 dicembre sfiliamo a Palermo contro tutte le stragi di Stato, da Piazza Fontana ad Ankara, per la liberazione di Oçalan, per il diritto all’autodeterminazione dei popoli curdi e di tutti i popoli sottomessi, a sostegno del progetto di confederalismo democratico per tutti i popoli del Medioriente, che rappresenta un programma di liberazione in fase di attuazione nelle aree liberate del Kurdistan siriano e in alcune province turche, e un faro di speranza per tutta l’umanità oppressa.220px-abdullah_c3b6calanlogoNOMUOS

I popoli in rivolta scrivono la storia: NO MUOS fino alla vittoria!

Libere/i tutte/i! Dalla Sicilia al Kurdistan libertà per Oçalan!

Foto del profilo di Coordinamento Regionale Comitati NO MUOS
About Coordinamento Regionale Comitati NO MUOS 242 Articles
Il Coordinamento Regionale dei comitati NO MUOS è un'aggregazione di comitati NO MUOS che si sono formati in Sicilia negli ultimi anni. Esso nasce dall'esigenza di dar vita ad una serie di iniziative comuni e diffuse riguardanti l'informazione sul MUOS e l'opposizione all'istallazione di questo impianto in modo da estendere quanto più possibile la mobilitazione sviluppata in ogni paese.

Be the first to comment

Rispondi