Solidarietà con le mamme di Niscemi: un giocattolo per la pace

 Madri coraggio e attivisti NO MUOS di nuovo in azione: in tutti i territori della Sicilia è un fiorire di iniziative, idee ed eventi in vista della grande manifestazione che si terrà a Niscemi il 30 marzo prossimo a partire dal primo pomeriggio. Le madri del comitato mamme no MUOS di Caltagirone hanno lanciato l’iniziativa di donare simbolicamente un giocattolo alla sughereta di Niscemi che accoglie nel suo grembo 46 pericolose antenne, già attive, e l’impianto in costruzione del quarto MUOS al mondo: uno dei prodotti più costosi e pericolosi della civiltà di guerra che eserciti e governi stanno imponendo al pianeta Terra.
Diritto alla salute e pace, vera, non ipocrita affermazione di un principio.
Questo chiedono le mamme che stanno organizzando comitati spontanei in tanti paesi, sulla scia del Comitato Mamme di Niscemi. Mamme capaci di interloquire con i movimenti NO MUOS e con politici e istituzioni. Mamme coraggiose che rispettano l’impegno preso con la gente: davanti ai presidi a partire dalle cinque di mattina, cambio ogni due ore perché la famiglia non va trascurata, entusiasmo e tanta socialità, scomparsa ultimamente nell’agire quotidiano ma che viene riscoperta e valorizzata nella vita dei presidi. Le madri si contattano tra di loro, fiutano i trabocchetti di chi vuole magari strumentalizzare, si organizzano, rispettando e accogliendo le “nuove” che arrivano a Niscemi, un po’ spaesate ma subito integrate nei gruppi spontanei che si riuniscono attorno al fuoco. E così Niscemi chiama Piazza Armerina, Enna invita Niscemi, Caltagirone e Piazza Armerina concordano iniziative e scambi nelle proprie città: gli eventi, a partire dall’otto marzo, sono innumerevoli, e ci scusiamo se non li citiamo tutti a dovere. Avremo sicuramente tante altre occasioni per darne notizia. Oggi, otto marzo, siamo tutte fieramente unite idealmente alla ragazza, madre di tre figli, che è finita in ospedale per eseguire ciò che tutte assieme, anche con i movimenti NO MUOS, avevamo concordato: attività di controllo dal basso di chi e cosa entra nella base militare di Niscemi per affermare il rispetto della decisione del parlamento e del governo regionale di sospensione dei lavori del MUOS. Il governo italiano, in tutte le sue articolazioni, deve tener conto della volontà popolare e di chi ha ricevuto il mandato di rappresentarla. Non può non rispettare “la sovranità che appartiene al popolo”. Le mamme, con gli attivisti, sono ogni giorno lì, lontane da casa, a ricordarlo a una nazione intera.

Antonella Santarelli

 

leggi l’articolo su vivisicilia 

Foto del profilo di Comitato di base di Piazza Armerina
About Comitato di base di Piazza Armerina 55 Articles
Il Comitato No MUOS di Piazza Armerina si riunisce in ambito cittadino per la prima volta nell’aprile del 2012; in precedenza, singoli cittadini o gruppi di giovani, in particolare, avevano partecipato a iniziative e a giornate di mobilitazione nella città di Niscemi. Il comitato è, dunque, la risposta all’esigenza, manifestata da tanti, di conoscersi, condividere e programmare iniziative a livello cittadino. Il comitato armerino è parte attiva del Coordinamento Regionale dei Comitati No MUOS, il cui atto fondativo è la Carta di Intenti, approvata, dopo un lungo e articolato dibattito, nel mese di ottobre a Piazza Armerina dai comitati aderenti siciliani. Il primo grande evento organizzato dal nostro comitato si è tenuto il sei luglio 2012 presso il Chiostro Sant’Anna: al convegno pubblico sul MUOS hanno partecipato numerosi cittadini, in qualità di relatori Antonio Mazzeo e attivisti provenienti da Niscemi e Modica (Peppe Cannella ed Enzo Traina), le amministrazioni di Niscemi e Piazza Armerina, associazioni come Pax Christi, Emergency e altre. Oltre alla partecipazione alle numerose manifestazioni indette a Niscemi e alla presenza, mai sufficientemente ampia, al presidio presso Contrada Ulmo, tra le iniziative più rilevanti realizzate dal comitato vi sono: 1) incontro, con esponenti del comitato di Niscemi, con il consiglio provinciale di Enna che ha approvato il documento contro l’installazione del MUOS (settembre 2012) 2) incontro con il vescovo della Diocesi di Piazza Armerina e con il pastore della Chiesa Cristiana Avventista del Settimo Giorno (ottobre 2012) 3) incontro-dibattito sul MUOS con i deputati regionali eletti in provincia di Enna e nel comprensorio di Caltagirone (novembre 2012) 4) proposta al consiglio comunale di Piazza armerina della mozione contro il MUOS, approvata all’unanimità (gennaio 2013) 5) realizzazione, sabato 19 gennaio ’13, del dibattito pubblico: “La sovranità appartiene al popolo. Il popolo dice no al MUOS di Niscemi”. Hanno risposto ai cittadini sul MUOS Antonio Venturino e Fausto Nigrelli, in rappresentanza delle istituzioni, e Agostino Sella, blogger e giornalista. Moderatore Salvatore Giordano, del comitato No MUOS.

Be the first to comment

Rispondi