Verso il 4 aprile. Sulle iniziative del 19 – 21 – 22 marzo a Torino

Sono stati tre giorni importanti passati assieme ai compagni e alle compagne No Tav della valle e di Torino. Per questo ringraziamo tutti quelli che ci hanno sostenuto e che hanno partecipato. Giovedì 19 marzo al Presidio di Venaus, durante la tradizionale pizzata, abbiamo proiettato dei video tratti da Antenne 46 sulla ripresa dei blocchi dopo la sentenza del Tar del 13 febbraio che ha decretato che il Muos è illegale ed illegittimo. Come sempre scaldati dall’atmosfera familiare del presidio e dalla vicinanza, non solo a parole, del movimento No Tav. Sabato 21, il punto informativo No Muos allestito alla Cavallerizza Reale (ex Teatro Stabile) di Torino è stato per noi un’occasione di aprirci alla città, di incontrare e informare nuove persone in un contesto con cui ci sentiamo in sintonia. La Cavallerizza Reale è iscritta nell’elenco dei beni Patrimonio Mondiale dell’Umanità dell’Unesco, è stata messa in vendita dal Comune di Torino e destinata a usi di carattere privato, come residenze, negozi, parcheggi. Per questo il teatro è stato occupato da un gruppo di cittadini che ha deciso di opporsi alla speculazione, facendo in modo che questo luogo rimanga uno spazio pubblico e a fruizione collettiva. Infine domenica 22, l’incontro tra No F35, No Tav e No Muos sulle infiltrazioni mafiose è stato davvero interessante per lo scambio di informazioni, storie e opinioni, spesso difficili da trovare. Abbiamo parlato di quello che succede nei nostri territori, del modo di agire e di fare colluso dello stato e di chi esercita il potere economico, politico e sociale, a scapito dei cittadini.

Siamo consapevoli che fare antimafia significa conoscere il proprio territorio, significa denunciare le incongruenze e scoprire i mille volti dietro cui si maschera l’illegalità e la criminalità, tramite cui lo stato e gli affaristi riciclano non solo il loro denaro ma anche la loro faccia, significa lottare contro un sistema che ci opprime e che sta permettendo la prosecuzione dei lavori sia in Val Susa sia a Niscemi.

L’invito è quello di lavorare perché questa consapevolezza si ramifichi e possa unire ancora di più le lotte territoriali italiane. Vi aspettiamo a Niscemi, numerosi. Per difendere la nostra terra dalla militarizzazione, dalle nocività, dalle speculazioni.

Non siamo sudditi degli Usa

né servi dello stato

né succubi delle mafie!

Comitato No Muos Torino

Manifesto 4 aprile 2015 (1)

Foto del profilo di comitato di base di Milano e Torino
About comitato di base di Milano e Torino 9 Articles
***TORINO*** Il Comitato No Muos Torino è un gruppo nato per promuovere la lotta al progetto MUOS. L'obiettivo è quello di sostenere il Movimento e il Presidio Permanente No MUOS sito in C/da Ulmo a Niscemi (CL), nato spontaneamente a Novembre su iniziativa dei Comitati No MUOS e partecipato da centinaia di cittadini provenienti da tutta la Sicilia e non solo. Il Comitato No Muos Torino aderisce alla Carta d'Intenti del Coordinamento e solidarizza con i movimenti No Radar, No Tav, No Dal Molin e tutti quelli che hanno a cuore il bene comune e un futuro di pace. Perchè NO: - perché è pericoloso per la salute dei cittadini - perché è dannoso per l'ambiente circostante - perché è un'arma di offesa militare e perché la nostra costituzione ripudia la guerra - perché crediamo in un modello di sviluppo sostenibile che faccia a meno dell'industria delle armi - perché è illegale tutta la base militare già adesso in funzione, secondo la normativa nazionale ed europea in materia di tutela ambientale A cosa diciamo SI: - alla valorizzazione del patrimonio e delle risorse del territorio - alla tutela dell'ambiente e della salute - alla smilitarizzazione di tutto il territorio italiano - alla Sicilia come punto di riferimento per un Mediterraneo di PACE - a un'Italia libera e democratica - alla difesa del diritto di TUTTI i cittadini ad opporsi alle decisioni pubbliche che ritengono umilianti per il territorio in cui vivono e lavorano https://www.facebook.com/nomuostorino ***MILANO*** in aggiornamento https://www.facebook.com/nomuosmilano

Be the first to comment

Rispondi