RICOMINCIANO I LAVORI. TENIAMO IN ALTO LA GUARDIA.

Un ulteriore passo avanti da parte delle forze armate americane rende la fine dei lavori al cantiere Muos
sempre più vicina dopo le cariche dei giorni precedenti subite dai presidianti, durante le quali cinque dei
nove ragazzi sono stati refertati al pronto soccorso, cariche a opera di una trentina di polizia e carabinieri in
tenuta antisommossa venuti a sgomberare la barricata fatta per bloccare il passaggio dei mezzi pesanti per
il completamento dei lavori.

 

Oggi lunedì 26/8/2013 la parte basculante della terza antenna è stata istallata.
Una gru mastodontica utilizzata per la costruzione di grandi opere è stata utilizzata per montare uno degli
ultimi tasselli utili alla fine della costruzione del muos, senza l’autorizzazione paesaggistica e ambientale e
quindi  illegittimo inizio del lavori al cantiere muos ed ennesimo illecito commesso dal governo americano
con il bene placido del governo italiano. Oggi tocca a noi fermare con ogni mezzo necessario la costruzione
di quest’arma di distruzione di massa, tocca a ciascuno di noi opporre resistenza allo schiacciante potere
militare statunitense. Questo è il momento cruciale della lotta contro il muos quindi chiamiamo tutte
le realtà e singole persone contrari alla costruzione del muos al presidio permanente in contrada Ulmo,
Niscemi.

NO MUOS ORA E SEMPRE

1 Trackback / Pingback

  1. Siria: le prime vittime di ogni guerra sono verità e umanità Fonte: www.peacelink.it | Autore: Alessio Di Florio | ANPI CATANIA

Rispondi