Agosto No MUOS. Campeggio al presidio e manifestazione

Sempre contro tutti gli eserciti e contro vecchi e nuovi imperialismi

sempre No Muos e No al Militarismo!

Dal‭ 6‭ al‭ 9‭ agosto‭ 2015‭ Campeggio Estivo Antimilitarista,‭ Antimperialista, Pacifista presso il Presidio Permanente No MUOS in Contrada Ulmo a Niscemi

Il 6‭ e il 9‭ agosto di‭ 70‭ anni fa,‭ gli Usa lanciavano le bombe atomiche su Hiroshima e Nagasaki.

Il Movimento No Muos invita antimilitaristi,‭ pacifisti, antimperialisti e tutte le individualità affini a commemorare il tragico evento nella sughereta di Niscemi‭ dove in‭ quei giorni si allestirà‭ il‭ terzo‭ campeggio estivo No War e dove l’8 agosto ci sarà la manifestazione nazionale No Muos.

Dopo anni di lotte e pressioni popolari‭ il Muos è sotto sequestro, ma ‭il n‬ostro obiettivo resta lo smantellamento,‭ oltre che dello stesso Muos,‭ anche dell’intera base americana e la completa smilitarizzazione della Sughereta. È‭ là che,‭ da più di vent’anni,‭ sono installate le 46 antenne NRTF,‭ le cui radiazioni costituiscono un permanente pericolo per la salute pubblica e danneggiano‭ la fauna e la flora di una delle più belle riserve‭ naturali di sugheri secolari d’Europa.

La salute e l’ambiente minacciato dalle nocività sicuramente ci preoccupano, ma ancor più ci inquieta la presenza di queste basi militari che con le loro funzioni di guerra continuano a seminare morte e distruzione e a perpetrare pericolose competizioni tra i vari blocchi di potere, invece di iniziare a percorrere le vie d’uscita da questo sistema che attenta quotidianamente alla vita delle popolazioni umane, animali e della Terra intera.

Stiamo vivendo un vero e proprio bilancio di guerra economico e umanitario: mentre in occidente paghiamo queste scellerate politiche guerrafondaie con i tagli allo stato sociale (sanità, scuola, edilizia popolare), nelle altre parti del mondo questo sistema minaccia direttamente le vite delle popolazioni che subiscono gli attacchi di quella o di quell’altra potenza, per beceri interessi di dominio e di controllo dei territori e delle loro risorse.

Bombardate e affamate, le popolazioni di questi paesi, strette fra dittatori e/o oligarchie e presunti salvatori umanitari dall’altra parte, non vedono altra possibilità che emigrare verso paesi in cui possono salvare la propria pelle, imbarcandosi in viaggi della morte, non potendo scegliere altri modi “legali”, dal momento che le politiche securitarie della Fortezza Europa non prevedono corridoi umanitari; se nel frattempo non affogano nel Mar Mediterraneo, i migranti e i profughi che sbarcano vivi sono immediatamente destinati a centri di “accoglienza”, CIE e Cara gestiti in maniera clientelare, come mostra l’inchiesta siciliana di Mafia Capitale.

È ora di dire a basta a tutto ciò, ai Muos, ai Cie, alle galere etniche, agli steccati eretti contro le persone migranti, ai continui tagli allo stato sociale, alle nocività, alle grandi opere, a tutto quel sistema che mentre si arricchisce decreta la miseria e la morte di miliardi di individui.

Chiediamo con forza l’uscita dalla NATO e lo smantellamento di tutte le basi militari,‭ in primis di quelle americane la cui presenza è stata imposta senza mai essere stata discussa (e neanche approvata) in sede parlamentare ma tramite diretti trattati fra enti governativi e organismi militari.

Chiediamo libertà di movimento per tutti i popoli e,‭ a tal fine,‭ l’attivazione di corridoi umanitari che consentano l’arrivo in Europa ,in condizioni di sicurezza, dei profughi e dei migranti in generale.

Appoggiamo le lotte,‭ i movimenti di ribellione che dal Kurdistan alla Palestina,‭ dall’Ucraina all’America Latina, si sollevano contro lo sfruttamento e il dominio degli imperialismi,‭ la nostra lotta è idealmente e praticamente legata alla loro Resistenza.

In tale scenario,‭ risultano quanto mai arroganti le dichiarazioni della‭ Console USA che,‭ su una delle‭ più diffuse testate siciliane,‭ intimidisce la Magistratura italiana minacciando ridicole sanzioni.‭ Al contempo,‭ però,‭ riconosce‭ a un movimento di opposizione la concreta capacità di mettere sabbia nella sanguinaria macchina da guerra.

Il movimento No Muos anche quest’anno,‭ per la terza volta,‭ organizza il Campeggio Antimilitarista No Muos nel Presidio Permanente di lotta,‭ in Contrada Ulmo,‭ nei pressi della Base USA a Niscemi,‭ dal‭ 6‭ al‭ 9‭ agosto.

Nel 2015‭ peraltro,‭ ricorre il‭ Centenario‭ dell’inizio della Prima Guerra Mondiale.‭ Anche allora si registrava un combattivo ed esteso fermento‭ contro la guerra‭ e oggi ne raccogliamo l’eredità ideale, morale, politica, culturale e antimilitarista.

Dal‭ 6‭ al‭ 9‭ agosto cade anche un altro tragico anniversario:‭ il lancio delle bombe atomiche americane su Hiroshima e Nagasaki.

Ricorrenze significative che ora più che mai‭ ci impongono di opporci a qualsiasi attività militare,‭ in prima persona senza attendere la lenta e asservita politica istituzionale rinchiusa nei palazzi del potere.

In questo momento dal Medio Oriente fino all’Ucraina il clima di tensione è tale che è reale il rischio che scoppi brutalmente un nuovo conflitto mondiale nel quale‭ la Sicilia‭ sarebbe in prima linea insieme con il resto d’Italia.

A conferma di questi timori, infatti,‭ nella base militare del‭ 37^ stormo di Trapani Birgi‭ verrà ospitata dal‭ 28‭ ottobre al‭ 6‭ novembre,‭ la più grande esercitazione della Nato dalla caduta del muro di Berlino.‭ Durante il campeggio si deciderà la data per un’altra manifestazione nazionale antimilitarista e No War a Trapani Birgi,‭ volta a impedire l’esercitazione‭ nella base trapanese, come già in Sardegna i movimenti antimilitaristi sono ben riusciti a fare.

L‭’‬8‭ agosto‭ 2015‭ è in programma‭ a Niscemi,‭ Contrada Ulmo,‭ una Manifestazione Nazionale contro le politiche militariste e per gridare‭ un accorato no alle guerre‭ imperialiste. Il campeggio è,‭ inoltre,‭ l’occasione per un dibattito e un confronto fra‭ tutte le realtà No War, antimilitariste,‭ antimperialiste e pacifiste che saranno presenti.‭  

Invitiamo  ogni realtà a portare un documento che parli della rispettiva storia o dell’attività antimilitarista del proprio territorio, per progettare assieme la pubblicazione di un libro che raccolga le testimonianze locali accanto ai contributi di artisti e intellettuali. L’obiettivo è quello di lanciare una campagna nazionale di presentazioni, conferenze, dibattiti e agitazioni per rendere di dominio pubblico l’urgenza di abbracciare l’istanza antimilitarista e il rifiuto della guerra a livello popolare, rompendo il muro dell’indifferenza. Una campagna che proponiamo si concluda la prossima estate a Niscemi con un Festival Internazionale contro la guerra, il militarismo e la militarizzazione.

 

Programma del Campeggio Estivo Antimilitarista,‭ Antimperialista,  No War presso il Presidio Permanente No MUOS in Contrada Ulmo a Niscemi

6‭ agosto‭ 2015

Proiezione documentario sui bombardamenti‭ di Hiroshima e Nagasaki

Banchetti No Muos informativi nel paese.

7‭ agosto‭ 2015

Dibattito‭ fra antimilitaristi,‭ antimperialisti, pacifisti‭, realtà NoWar e resistenze internazionali (‬presenti rappresentanti della lotta in Kurdistan, in Ucraina e Palestinese‭)‬.

Celebrazione del‭ “‬Disertore Ignoto‭”‬.

8‭ ‭ agosto‭ 2015

Manifestazione Nazionale Antimilitarista No Muos‭ presso Contrada Ulmo.

9‭ agosto‭ 2015

Sit-in di protesta in commemorazione dei bombardamenti su Nagasaki.

Dibattito finale e saluti.

Ci auguriamo che ogni divisa, ogni base militare e ogni fabbrica di armi e di morte trovi la più strenua ostilità, inospitalità della popolazione e concreta opposizione organizzata dal basso nella piena solidarietà e fratellanza umana.

No al MUOS No alle BASI No alle GUERRE‭ IMPERIALISTE No al MILITARISMO né qui né altrove‭!

                                                                                           Movimento No Muos

Foto del profilo di Coordinamento Regionale Comitati NO MUOS
About Coordinamento Regionale Comitati NO MUOS 244 Articles
Il Coordinamento Regionale dei comitati NO MUOS è un'aggregazione di comitati NO MUOS che si sono formati in Sicilia negli ultimi anni. Esso nasce dall'esigenza di dar vita ad una serie di iniziative comuni e diffuse riguardanti l'informazione sul MUOS e l'opposizione all'istallazione di questo impianto in modo da estendere quanto più possibile la mobilitazione sviluppata in ogni paese.

1 Commento

  1. Al fianco della lotta contro il MUOS

    Contro le politiche di guerra dell’Unione Europea e della NATO

    La Rete dei Comunisti aderisce e parteciperà al campeggio promosso dal Presidio Permanente No MUOS, che si svolgerà Dal 6 al 9 agosto a Niscemi, in provincia di Caltanisetta .

    La storica battaglia dei compagni e delle compagne siciliani contro il mega radar a stelle e strisce è stata in questi anni bui per il movimento contro la guerra italiano un esempio di tenacia e capacità incisiva, contro un nemico il quale, in moltissime altre aree del paese, non si è riusciti a mettere in difficoltà.

    In forme originali, in quel lembo di terra conteso alle mire militariste statunitensi e NATO, si è determinata una importante sintonia tra avanguardie antimilitariste e popolazione, che fa sempre la differenza, determinando le condizioni di un imprescindibile radicamento sociale. Così, parole d’ordine storiche del movimento nowar, contro tutti gli eserciti, contro vecchi e nuovi imperialismi, il militarismo, sono divenute patrimonio condiviso da chi dall’installazione del radar avrebbe tutto da perdere.

    Un segnale importante, che da fiducia e speranza ai tanti militanti antimilitaristi che ancora si battono in tante città e province italiane.

    Da tempo la guerra è tornata a essere uno strumento centrale delle politiche dell’Unione Europea, come conflitto armato contro i popoli confinanti il polo imperialista europeo, determinando un arco di fuoco che dall’Ucraina alla Libia circonda la fortezza europea, ma anche come guerra sociale interna, attraverso politiche di distruzione del welfare, dei diritti, del lavoro, della democrazia formale e sostanziale.

    Guerre che costano ai popoli centinaia di migliaia di morti ed esodi biblici, di disperati che fuggono dai bombardamenti occidentali per andare a morire nel cimitero d’acqua chiamato Mediterraneo.

    Il Campeggio Estivo Antimilitarista, Antimperialista, Pacifista No MUOS è un segnale forte di controtendenza, di fronte ad una barbarie incipiente, contro la quale occorre tornare a battersi, riunendo tutte le realtà politiche, sociali, sindacali e di movimento che nel nostro paese, più in generale a livello continentale, non intendono assistere passivamente alle presenti e future operazioni militari occidentali contro la Libia, le popolazioni del Donbass in Ucraina, la Siria, lo Yemen e tutti i paesi sotto attacco.

    Con questo spirito e obiettivo la Rete dei Comunisti aderisce e parteciperà al campeggio di Niscemi.

    RETE DEI COMUNISTI
    http://www.retedeicomunisti.org
    retedeicomunisti@gmail.com

Rispondi