Incontro con la Commissione Ambiente dell’ARS

Il 22 gennaio si è tenuta a Niscemi una seduta della Commissione Ambiente dell’Ars, per discutere della questione Muos con il contributo di esperti, comitati NoMuos e cittadini . Alla presenza del presidente Trizzino e dell’assessore all’ambiente Lo Bello, è stata sentita l’esauriente relazione del prof. Coraddu, che facendo seguito a quella già stilata insieme al prof. Zucchetti, ha ribadito tutti i gravi rischi legati al sistema satellitare che gli americani stanno costruendo a Niscemi, fornendo ulteriori preoccupanti considerazioni sugli ultimi aggiornamenti delle rilevazioni ARPAS. Le varie altre voci ascoltate dalla commissione, associazioni, comitati, esperti, hanno tutte evidenziato le motivazioni che giustificano e legittimano un’azione di immediata sospensione dei lavori in vista di una revoca definitiva delle autorizzazioni. Il coordinamento regionale dei comitati No Muos, che da 2 mesi presidia l’ingresso della base in c/da Ulmo, ritiene grave che a tutt’oggi, non vi sia ancora, da parte della regione, alcun provvedimento di revoca delle autorizzazioni e neanche di sospensione dei lavori, che addirittura continuano e ogni giorno vanno avanti.

A questo punto è necessario che la volontà politica espressa dal governo regionale, di contrarietà alla costruzione del Muos, si concretizzi in un atto che abbia immediata esecutività, altrimenti le dichiarazioni del presidente Crocetta e dell’assessore Lo Bello saranno le ennesime parole al vento. In ogni caso il presidio permanente NO MUOS di c.da Ulmo, nonostante le enormi difficoltà, continua praticando la revoca dal basso con il blocco del transito dei mezzi che lavorano nella base e mostrando la ferma volontà di opposizione a quest’opera devastante.

Foto del profilo di Coordinamento Regionale Comitati NO MUOS
About Coordinamento Regionale Comitati NO MUOS 243 Articles
Il Coordinamento Regionale dei comitati NO MUOS è un'aggregazione di comitati NO MUOS che si sono formati in Sicilia negli ultimi anni. Esso nasce dall'esigenza di dar vita ad una serie di iniziative comuni e diffuse riguardanti l'informazione sul MUOS e l'opposizione all'istallazione di questo impianto in modo da estendere quanto più possibile la mobilitazione sviluppata in ogni paese.

Be the first to comment

Rispondi