Contro il G7 delle Pari Opportunità

Contro il G7 delle Pari Opportunità

Contro il G7 delle Pari OpportunitàIl Movimento No MUOS esprime totale dissenso nei confronti del G7 delle Pari Opportunità che si terrà a Taormina nei giorni 15 e 16 novembre ’17 e condivide l’appello lanciato il 23 ottobre “Contro e oltre il G7 delle Pari Opportunità” dall’Assemblea contro il G7 Pari Opportunità, sottoscritto da numerose donne, realtà politiche e movimenti di resistenza. Ne condivide l’impostazione data ai temi, a partire dalla non applicazione reale della legge n. 194/78 ritenendo che il diritto all’aborto sia ancora non garantito dalla presenza di tassi altissimi di obiettori di coscienza nelle strutture pubbliche. Violenza sui diritti e sui corpi: le donne hanno ben chiara la matrice culturale della violenza e solo l’educazione all’affettività e alle differenze può produrre il cambiamento nella vita di donne e uomini. Il costante impoverimento della scuola pubblica, e non solo a livello strutturale, esprime la scelta dei governi di non garantire le opportunità di crescita culturale reale e adeguata alle giovani generazioni: un’altra violenza, non detta, ma pericolosa e funzionale agli interessi dei poteri economici, che dettano programmi e politiche.

La riduzione delle opportunità per donne e uomini è figlia dello smantellamento del welfare, della crescente devastazione ambientale, della negazione di sviluppo reale e dell’attacco ai diritti; è il silenzio continuo e costante sulla militarizzazione dei territori, sulle guerre occidentali che hanno nel Mediterraneo il fulcro geopolitico nella presenza di basi, di strumenti di morte come i missili nucleari e installazioni militari di ogni tipo, di impianti altamente pericolosi come MUOS e base NRTF con le 46 antenne attive dal 1991 nel silenzio totale di chi ha governato e governa i territori.  Violenza è l’ignobile politica di respingimento di donne e uomini; come non condividere la giusta osservazione dell’appello contro il G7 laddove afferma: “… nei Cara e nei CIE, gli odierni lager della fortezza Europa, le violenze e la violazione dei diritti umani sono all’ordine del giorno. Per non parlare delle centinaia e centinaia di esseri umani che muoiono ad ogni stagione nel Mar Mediterraneo per il nostro rifiuto di soccorrerli ed accoglierli o che vengono torturati su nostro mandato nei lager Libici, nei quali la condizione delle donne è al di sotto di qualsiasi soglia di umanità. Con quale faccia si viene a parlare di diritti delle donne in un’isola che con la realtà degli sbarchi prende atto quotidianamente di questa strage? Quale credibilità possono avere i G7 per parlare di pari opportunità senza parlare di libertà di circolazione per tutte e tutti?”

Il Movimento No MUOS, pertanto, ribadisce l’adesione all’appello, condividendone le pratiche di resistenza alla sopraffazione e le lotte dal basso per l’autodeterminazione di tutte e tutti.

About Coordinamento Regionale Comitati NO MUOS 276 Articles
Il Coordinamento Regionale dei comitati NO MUOS è un'aggregazione di comitati NO MUOS che si sono formati in Sicilia negli ultimi anni. Esso nasce dall'esigenza di dar vita ad una serie di iniziative comuni e diffuse riguardanti l'informazione sul MUOS e l'opposizione all'istallazione di questo impianto in modo da estendere quanto più possibile la mobilitazione sviluppata in ogni paese.

Be the first to comment

Rispondi