Ecco un’altra ministra con l’elmetto | Comunicato stampa sulle dichiarazioni della ministra Trenta

Il ministro della difesa Elisabetta Trenta è stata in Sicilia per firmare la cessione di ciò che rimaneva della ex base Usaf di Comiso alla Regione. Per l’occasione il 18 gennaio è stato intervistato dal giornalista Mario Barresi su MUOS, Punta Izzo e Sigonella.

Ecco un’altra ministra con l’elmetto | Comunicato stampa sulle dichiarazioni della ministra TrentaIl Ministro in quota Movimento 5 Stelle ha confermato le scelte militariste dell’attuale Governo. Sul MUOS ha dichiarato l’intenzione del governo di “aprire un tavolo di confronto che riguardi il monitoraggio ambientale”, e come “si tratta di capire che su certi temi non basta uno schiocco di dita”. Assistiamo ad un ritorno indietro di oltre 10 anni, che riduce il MUOS a una incerta questione ambientale su cui va fatto l’ennesimo monitoraggio per perdere tempo e non risolvere nulla; con la battuta sullo schiocco delle dita il ministro dichiara senza mezzi termini che questo governo non ha nessuna intenzione di mettersi contro il governo alleato degli Stati Uniti.

La ministra forse dimentica di essere la titolare del ministero della Difesa e non del dicastero della Salute. In questo ruolo  dovrebbe spettare a lei chiarire se, come proclamato dal M5S quando era all’opposizione, le basi militari americane rappresentino una limitazione della sovranità nazionale, siano compatibili con il nostro ordinamento e la nostra Costituzione, arrivando a contestarne la legittimità. 

Occorrerebbe ricordare alla ministra che le misurazioni dei campi elettromagnetici erano previste già nelle fasi autorizzative del Muos, addirittura a carico degli USA.

Forse sarebbe utile pure ricordare che proprio il Movimento 5 Stelle insorse quando il parlamento approvò la mozione del PD che prevedeva proprio le famose misurazioni delle onde elettromagnetiche del Muos, bocciando la proposta del Movimento 5 stelle di smantellamento immediato dell’impianto satellitare di Niscemi.Sono lontani i tempi dei proclami elettorali, adesso sono tempi di responsabilità, affidabilità e continuità.

Questa posizione è confermata dalle dichiarazioni in merito alla questione della smilitarizzazione del poligono di Punta Izzo ad Augusta; la proposta governativa è quella di sospendere le esercitazioni militari solo nel periodo estivo per consentire la balneazione dell’area, glissando sul problema della cementificazione imminente per ristrutturare e potenziare il poligono e dell’inquinamento da proiettili e ordigni della fascia marina circostante.

Infine su Sigonella il ministro ritiene un grande successo lo spostamento a Sud degli interessi NATO, e il fatto che Sigonella sarà il più importante avamposto militare contro le possibili minacce nella regione mediterranea.
La posizione ribadita dal ministro non si discosta per nulla da quella dei precedenti governi di centro destra e di centro sinistra che hanno affondato il coltello militarista nel territorio siciliano ipotecando i destini dell’isola. Il governo conferma la sudditanza agli Stati Uniti e il ruolo della Sicilia di grande hub militare nel cuore del mediterraneo, con Sigonella come base pulsante, l’intoccabile MUOS e i poligoni come Punta Izzo in via di potenziamento.
La Sicilia è condannata anche da questa ministra a avere le coste militarizzate ed i porti chiusi all’accoglienza dei migranti, che riescono a sopravvivere ai lager libici (lautamente finanziati dai governi europei ed italiano) ed ai frequenti naufragi.

Non aspettavamo certo queste dichiarazioni per prendere atto della linea del governo gialloverde, le cui posizioni erano state ribadite sin dall’inizio dell’avventura governativa, mentre solo i 5 Stelle siciliani avevano cercato di insistere su una presunta linea coerente del governo contro il MUOS, smentita dai fatti, sia in occasione dell’udienza al Cga, con la memoria presentata dall’avvocatura dello stato a difesa della legittimità della costruzione del MUOS, sia in occasione dei vari processi contro attivisti NO MUOS nei quali il Ministero retto dalla Trenta si presenta come parte lesa chiedendo risarcimenti.

Denunciamo inoltre la volontà da parte della ministra Trenta di scavalcare ed esautorare il Coordinamento dei comitati e tutte le associazioni che da anni si battono contro l’installazione e la messa in funzione del Muos, legittimando come unico interlocutore il sindaco di Niscemi.

Una delegittimazione vera e propria delle istanze dal basso, le stesse che in questi anni hanno prodotto manifestazioni, sit in, ricorsi e controinformazione. Pur convinti che il sindaco di Niscemi pro tempore non voglia cadere nella trappola della ministra vogliamo ricordare che i sindaci passano, ne abbiamo già visti tre nel corso di questa lotta, ma i comitati restano e resistono perché espressione dei territori e dei tessuti sociali. Ora, davanti alle conferme scaturite dall’intervista del ministro a 5 Stelle, i deputati e dirigenti siciliani di questo partito sono rimasti muti e imbarazzati. Forse hanno capito che uno schiocco di dita non può bastare a far cambiare la posizione filo USA e filo imperialista del governo.
Noi riponiamo fiducia nella lotta popolare, e ribadiamo di non avere governi amici.

Movimento NO MUOS

Be the first to comment

Rispondi