Gli Usa appaltano il Muos alla società che bombarda i palestinesi e sorveglia il confine Usa – Messico

Gli Usa appaltano il Muos alla società che bombarda i palestinesi e sorveglia il confine Usa – Messico

Con un tempismo ai limiti del black humor ieri, 9 novembre 2019, a 30 anni della caduta del Muro di Berlino, il Pentagono ha annunciato la partnership strategica con General Dynamics Corp stipulando un contratto di 731 milioni di dollari con la più importante multinazionale “dei muri” del mondo.

La General Dynamics Corp è il principale general contractor del Pentagono con un fatturato di 36 miliardi di dollari l’anno. Si occupa della videosorveglianza del confine con il Messico, l’ormai tristemente celebre muro che Trump ha eretto a simbolo della sua presidenza.

La società è accusata anche di avere un ruolo nella detenzione di minori proprio al confine, una pratica che ha suscitato scandali e polemiche anche presso l’opinione pubblica statunitense. 

Gli Usa appaltano il Muos alla società che bombarda i palestinesi e sorveglia il confine Usa – Messico

Ma la passione per i muri da parte di General Dynamics non finisce certo qui.

Gli Usa appaltano il Muos alla società che bombarda i palestinesi e sorveglia il confine Usa – Messico

La compagnia si occupa della sorveglianza del muro che circonda la Striscia di Gaza e ha fornito i sistemi di armamenti per i caccia F-16 ed F-35 e droni UAV dell’aviazione israeliana. Gli stessi che, giornalmente, bombardano e uccidono i civili palestinesi. 

Ci chiediamo se sia normale per il Governo Italiano permettere a una forza straniera l’appalto smaliziato dell’impianto MUOS a società private che si sono macchiate di gravi crimini contro civili inermi e migranti in nome del profitto. 

La questione era già emersa in passato quando emerse la volontà da parte del Pentagono di subaffittare alcune frequenze del sistema Muos.

In questo modo Niscemi, la Sicilia e l’Italia intera diventano complici di un apparato di guerra che massacra, ferisce e umilia intere popolazioni. 

La passione per i muri di oggi ha un nome: General Dynamics. E il Governo sta permettendo che noi tutti ne diventiamo complici. 

Chi è General Dynamics Corp?

Uno dei più grandi appaltatori militari nel mondo. Fornisce armi e munizioni utilizzate dall’aeronautica israeliana contro civili palestinesi. Coinvolto nel monitoraggio del confine tra Stati Uniti e Messico e monitoraggio delle comunità di immigrati all’interno degli Stati Uniti.

General Dynamics è un conglomerato multinazionale di difesa e aerospaziale con sede in Virginia. Nel 2018, la società è stata elencata come la sesta più grande azienda produttrice di armi al mondo dall’International Peace and Research Institute(SIPRI) di Stoccolma e Defense News . Nel 2017, General Dynamics ha realizzato entrate per 31 miliardi di dollari. Di queste entrate totali, il 61 percento proveniva dal governo degli Stati Uniti, di cui 676 milioni di dollari in vendite militari estere. Il principale cliente dell’azienda è il Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti. Nel 2018, General Dynamics è stato il maggiore appaltatore governativo negli Stati Uniti.

General Dynamics è composta da quattro gruppi di affari: aerospaziale, sistemi di combattimento, sistemi marini e sistemi e tecnologia dell’informazione. 

Combat Systems produce veicoli blindati a ruote, carri armati, veicoli da combattimento cingolati, sistemi di armamenti, armamenti e munizioni e servizi di supporto. I sistemi informatici e la tecnologia forniscono all’esercito americano apparecchiature informatiche e di comunicazione e forniscono alla Marina statunitense modifiche del sistema di controllo del fuoco per i sottomarini con missili balistici. 

Marine Systems costruisce navi, inclusi sottomarini a propulsione nucleare, per la Marina degli Stati Uniti. 

VENDITE MILITARI IN ISRAELE E COLLABORAZIONE CON LE INDUSTRIE MILITARI ISRAELIANE

General Dynamics ha fornito alle forze armate israeliane sistemi d’arma e munizioni, principalmente attraverso il programma di vendite militari estere del Dipartimento della Difesa. Questi sistemi di armi includono bombe come le bombe BLU-113 da 5.000 libbre “bunker buster” , bombe MK-82 da 500 libbre e MK-84 da 2000 libbre e bombe BLU-109. 

General Dynamics produce il motore GD 883 per il carro armato da battaglia israeliano Merkava 4 da 65 t ed è il principale produttore di mezzi corazzati (APC) Namer, o “Leopard” .

La compagnia produce anche i sistemi di armamenti che armano i caccia F-16 e F-35 , una tecnologia progettata per proteggere i veicoli da combattimento dai missili anticarro, missili guidati chiamati Iron Fist Light Active Protection System e uno speciale velivolo da missione elettronico (SEMA) per l’aviazione israeliana.

USO DEI SISTEMI DI GENERAL DYNAMICS NEGLI ATTACCHI AI CIVILI PALESTINESI

Aerei da combattimento F-16, carri armati Merkava, portatori di personale corazzato Namer (APC) e altre armi sono stati usati ripetutamente negli attacchi israeliani su aree civili densamente popolate, provocando migliaia di vittime civili in Libano, Cisgiordania e Gaza. La comunità per i diritti umani, tra cui Human Rights Watch, Amnesty International, B’tselem e le commissioni delle Nazioni Unite, hanno stabilito che questi attacchi sono violazioni dei diritti umani, punizioni collettive e talvolta crimini di guerra.

Secondo un rapporto di Human Rights Watch, Israele ha usato i carri armati Merkava in Libano nel 2006. Tra il 12 luglio e il 14 agosto 2006, Israele ha condotto un bombardamento terrestre e aereo del Libano che ha gravemente danneggiato le infrastrutture civili e ucciso 1.183 persone, di cui circa un terzo erano bambini. Le forze israeliane hanno deliberatamente preso di mira condomini, villaggi, piante, ponti, porti marittimi e altre caratteristiche chiave delle infrastrutture del Libano. Secondo un rapporto pubblicato dall’Ufficio delle Nazioni Unite per il coordinamento degli affari umanitari (UNOCHA), Israele ha violato il diritto internazionale umanitario non avendo cura di prevenire le vittime civili durante i suoi attacchi aerei sulle infrastrutture libanesi.  

Dal 27 dicembre 2008 al 18 gennaio 2009, Israele ha condotto un attacco a Gaza chiamato “Operation Cast Lead” durante il quale le forze israeliane hanno usato vari sistemi di armi prodotti da General Dynamics. Secondo la missione di accertamento dei fatti delle Nazioni Unite nel conflitto di Gaza, Israele ha effettuato attacchi con aerei F-16 contro case civili e campi profughi. General Dynamics produce sistemi di pistola per l’F-16. Questi attacchi sono stati giudicati violazioni dei diritti umani internazionali e del diritto umanitario, nonché possibili crimini di guerra e crimini contro l’umanità. Dei 1.394 palestinesi uccisi negli attacchi “Cast Lead”, 345 erano minorenni. L’assalto ha ferito oltre 5.300 persone e ucciso 1.383 palestinesi, di cui 333 bambini. Le forze israeliane hanno distrutto le case di oltre 3.400 famiglie palestinesi e hanno lasciato migliaia di civili senza tetto e disabili fisici. Secondo un rapportopubblicate dal Consiglio dei diritti umani delle Nazioni Unite, le forze israeliane hanno deliberatamente preso di mira oggetti civili e non sono riuscite a prendere tutte le precauzioni possibili per ridurre al minimo le vittime civili, violando così il diritto internazionale consuetudinario.

Nel 2014, Israele ha condotto un attacco a Gaza chiamato “Operazione sul bordo protettivo” che ha ucciso 2.251 palestinesi, di cui 1.462 erano civili e 551 erano bambini. Le forze israeliane hanno usato numerosi sistemi d’arma prodotti dalla General Dynamics durante l’assalto a Gaza. La RAND Corporation ha riferito che Israele ha usato i carri armati Merkava 4 a Gaza sia nell’operazione Pillar of Defense nel 2012 sia nell’operazione Protection Edge nel 2014. RAND ha anche documentato l’uso israeliano di APC Namer nell’attacco della Brigata Golani a Shuja’iya che ha ucciso 65 palestinesi, di di cui 35 donne, bambini e anziani. Secondo un rapportodi Amnesty International, Israele ha usato velivoli F-16 per tutto l’assalto del 2014, incluso un attacco a Rafah il 1 agosto e un attacco al campo profughi di Al Shati. Il Centro per i diritti umani di Al Mezan ha riferito che circa il 47% dei civili uccisi durante “Operazione sul bordo protettivo” sono stati uccisi da aerei da guerra tra cui l’F-16. Le forze israeliane hanno condotto oltre 6.000 attacchi aerei a Gaza e danneggiato o distrutto 18.000 unità abitative, 73 strutture mediche e molte ambulanze. A seguito dell’attacco, oltre 1.500 bambini palestinesi sono rimasti orfani e 11.231 persone sono rimaste ferite, di cui 3.436 erano bambini. Secondo un rapportodal Consiglio dei diritti umani delle Nazioni Unite, le forze israeliane potrebbero aver violato il diritto internazionale dei diritti umani e commesso crimini di guerra in numerose occasioni a causa del loro apparente disprezzo per la conservazione della vita civile.

Gli aerei F-16 sono stati ripetutamente utilizzati nel 2018 per condurre attacchi aerei a Gaza, causando morti civili. A febbraio, missili israeliani lanciati da aerei da guerra F-16 hanno ucciso due adolescenti palestinesi di 17 anni nel corso di sei attacchi aerei estesi, il più grande assalto dall’operazione Protection Edge. Gli attacchi hanno ferito altri due palestinesi e danneggiato le case civili. A luglio, le forze israeliane hanno utilizzato aerei F-16, elicotteri e droni aerei senza pilota per lanciare circa 85 missili nella Striscia di Gaza, uccidendo due bambini e ferendo 28 persone. L’attacco ha danneggiato le case residenziali e parzialmente danneggiato o distrutto numerose ambulanze e camion che trasportavano materiale medico.

FORNITURE TECNOLOGIE DI SORVEGLIANZA PER IL CONFINE TRA STATI UNITI E MESSICO

Dal 2013, General Dynamics One Source LLC, una società composta da due filiali General Dynamics: General Dynamics Information Technology e General Dynamics Mission Systems., Ha fornito alla US Customs and Border Protection (CBP) un sistema di videosorveglianza remoto (RVSS) sul Confine USA-Messico. RVSS è utilizzato per fornire sorveglianza di terra persistente agli agenti di pattuglia di frontiera per “rilevare, rintracciare, identificare e classificare” in modo efficace rifugiati e immigrati che attraversano il confine. Nell’aprile 2017, CBP ha annunciato che la soluzione General Dynamics RVSS aveva raggiunto la “piena capacità operativa”. 

Nel febbraio 2018, la società ha annunciato che il suo programma pilota di un trasloco-RVSS a supporto della protezione doganale e di frontiera (CBP) degli Stati Uniti ha avuto successo e che sarebbero state realizzate sei distribuzioni trasferibili a Laredo e McAllen, in Texas. A partire dal 2018, General Dynamics ha testato, installato e distribuito il sistema RVSS in 68 siti in Arizona e ha ampliato lo spiegamento di unità trasferibili attraverso la Valle del Rio Grande, nel sud del Texas.

Il contratto originale del 2013 per General Dynamics One Source LLC si è successivamente ampliato per fornire supporto di manutenzione per RVSS a Weslaco e Rio Grande City, TX e a San Diego, CA. Il nuovo contratto era di $ 84 milioni , con un potenziale rinnovo fino a $ 122 milioni. 

FACILITAZIONE DELLA DETENZIONE DI IMMIGRATI MINORENNI

Dal 2000, General Dynamics ha collaborato con l’Ufficio per il reinsediamento dei rifugiati (ORR) del Dipartimento della salute e dei servizi umani, il dipartimento che applica la politica del presidente Trump di trattenere i bambini lontano dai loro genitori. 

I contratti tra la sussidiaria General Dynamics Information Technology (GDIT) e ORR datati da maggio 2016 a maggio 2019 indicano che General Dynamics fornisce “servizi di infrastruttura per la cura dei bambini non accompagnati”. Dopo aver ricevuto un’attenzione indesiderata per i loro rapporti con la politica di separazione familiare dell’amministrazione Trump , la società ha rilasciato una dichiarazionenel giugno 2018, intitolato “Get the Facts Straight”, in cui si afferma che forniscono solo “servizi di supporto per casi specifici per aiutare a soddisfare le esigenze specifiche dei minori non accompagnati, compresi i requisiti medici, e per facilitare il ricongiungimento familiare, solo dopo che i bambini sono sotto la cura della salute e servizi umani “. La dichiarazione ha sottolineato che General Dynamics” non ha alcun ruolo nella politica di separazione familiare, né un ruolo nella costruzione o gestione di strutture di detenzione “. Tuttavia, immediatamente dopo la nuova politica di tolleranza zero, la società ha iniziato a fare pubblicità per lavori per aiutare a trattare i detenuti minorenni: operatori bilingui, impiegati per l’immissione di dati , una posizione per rivedere i file e redigere informazioni e una posizione per monitorare i casi dei giovani mentre si muovono attraverso il sistema. 

Solo nel 2017, GDIT ha guadagnato oltre 4 miliardi di dollari in questi tipi di contratti, inclusa la gestione di Medicare, tuttavia la società non rivelerà pubblicamente quanto valgono i suoi contratti con ORR dal 2015. Reuters ha precedentemente riferito che alla società sono stati assegnati 13 milioni di dollari nei contratti tra il 2010 e il 2014, tuttavia queste cifre potrebbero essere significativamente più elevate nell’ambito delle attuali politiche di separazione familiare dell’amministrazione.

OPERAZIONI CSRA IN MATERIA DI SORVEGLIANZA DEGLI IMMIGRATI, DETENZIONE E MILITARIZZAZIONE DELLE FRONTIERE

Nell’aprile 2018, General Dynamics ha acquisito CSRA, Inc. (CSRA) per $ 9,7 miliardi, per entrare a far parte di General Dynamics Information Technology. All’epoca, secondo la SIPRI , CSRA era la 39a società di difesa più grande del mondo nel 2017. La società ha stipulato diversi contratti con il Dipartimento della sicurezza nazionale (DHS), in particolare un contratto da $ 478 milioni dal 2015 a febbraio 2019 per gestire il database IDENT (Automated Biometric Identity System) di DHS. Questo è il database biometrico primario del DHS, utilizzato per archiviare, abbinare, elaborare e condividere informazioni biometriche e biografiche su oltre 230 milioni di individui unici . IDENT è uno strumento essenziale utilizzato da CBP e ICE nonchéforze dell’ordine locali e statali per rintracciare, monitorare e trattenere persone prive di documenti. 

A partire dal 2008, DHS ha iniziato a migrare i suoi sistemi IT e tutte le informazioni verso i due principali data center di Stennis, Mississippi e Clarksville, in Virginia. Il primo a Stennis, nel Mississippi, è stato istituito e gestito da CSC Government Solutions (ora CSRA / General Dynamics). Il primo contratto dal 2008 al 2015 valeva $ 723 milioni di dollari e il secondo contratto fino a giugno 2019 vale $ 967 milioni di dollari, che include il supporto di ICE con il suo nuovo sistema e database Integrative Case Management (ICM). General Dynamics / CSRA come appaltatore principale del Data Center fornirà operazioni e manutenzione per future infrastrutture o applicazioni IT ICE.

Nel maggio 2018, il CIO DHS John Zangardi ha osservato che 29 applicazioni DHS sono ospitate nel cloud e altre 70 vengono migrate nel cloud come parte di una strategia “multi-cloud” che utilizza vari provider. Secondo Zangardi, le due agenzie di controllo dell’immigrazione CBP e ICE sono state le più veloci a spostare i loro sistemi nel cloud. General Dynamics (CSRA / ARC-P Cloud) è uno dei soli quattro provider cloud autorizzati DHS .

Oltre a questi importanti contratti, CSRA ha supportato altre sub-agenzie DHS tra cui un contratto da 45 milioni di dollari nel 2016 fino al 2019 per consigliare le protezioni doganali e di frontiera (CBP) statunitensi su attrezzature efficaci al fine di “prevenire viaggi e scambi illegali”.

CONTROVERSIE AGGIUNTIVE 

A partire da gennaio 2019, secondo il Project on Government Oversight, General Dynamics ha subito $ 280,3 milioni di sanzioni per 23 casi di cattiva condotta dal 1995, con 9 ulteriori casi di cattiva condotta in attesa di risoluzione. Queste violazioni di cattiva condotta vanno dal lavoro alle violazioni delle normative ambientali.

Nell’aprile 2018, i Communication Workers of America hanno presentato quattro denunce al Dipartimento del lavoro accusando la General Dynamics Information Technology di aver pagato consapevolmente e intenzionalmente circa 10.000 lavoratori fino a 100 milioni di dollari negli ultimi cinque anni.
 

ATTIVISMO ECONOMICO

A partire da gennaio 2019, secondo il Project on Government Oversight, General Dynamics ha subito $ 280,3 milioni di sanzioni per 23 casi di cattiva condotta dal 1995, con 9 ulteriori casi di cattiva condotta in attesa di risoluzione. Queste violazioni di cattiva condotta vanno dal lavoro alle violazioni delle normative ambientali.

Nell’aprile 2018, i Communication Workers of America hanno presentato quattro denunce al Dipartimento del lavoro accusando la General Dynamics Information Technology di aver pagato consapevolmente e intenzionalmente circa 10.000 lavoratori fino a 100 milioni di dollari negli ultimi cinque anni.
 

Tratto da: https://investigate.afsc.org/company/general-dynamics

Qui il comunicato del Pentagono

Il Pentagono assegna il contratto a General Dynamics per il sistema satellitare di comunicazioni militari di nuova generazione

La società aerospaziale e di difesa americana General Dynamics Corp ha ottenuto un contratto per il supporto del sistema di terra Mobile User Objective System (MUOS), un sistema di comunicazioni satellitari militari di prossima generazione, secondo una recente dichiarazione del Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti.

Il Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti ha annunciato venerdì un accordo cost-plus-award-fee e prezzo fisso per un valore di circa 731,8 milioni di dollari.

MUOS è un sistema di comunicazioni satellitari militari a banda stretta che supporta una popolazione mondiale di utenti multiservizi, fornendo moderne funzionalità di comunicazione netcentrica e supportando terminali legacy.

Il Mobile User Objective System (MUOS) è il sistema di comunicazioni satellitari di prossima generazione della Marina statunitense che fornisce comunicazioni voce e dati per le forze statunitensi sempre e ovunque. General Dynamics Mission Systems fornisce i segmenti di terra integrati per MUOS, che presto forniranno comunicazioni simili a quelle dei telefoni cellulari per i combattenti in movimento.

Il Mobile User Objective System (MUOS) è un sistema SATCOM ad altissima frequenza (da 300 MHz a 3 GHz), che serve principalmente il Pentagono. L’uso di alleati internazionali è al vaglio. Il MUOS sostituirà il sistema di follow-on UHF legacy prima che tale sistema raggiunga la fine della sua vita utile per fornire agli utenti nuove funzionalità e mobilità, accesso, capacità e qualità del servizio migliorati. Destinato principalmente agli utenti mobili (ad esempio piattaforme aeree e marittime, veicoli terrestri e soldati smontati), MUOS estenderà le comunicazioni vocali, dati e video degli utenti oltre le loro visuali.

Il sito web della GD ha dichiarato che le copertine MUOS sono ovunque. Ha una portata mondiale per supportare i combattenti di guerra in pattuglia in ambienti ostili, siano essi urbani, canyon, montagne o giungle, o persino il circolo polare artico. Il sistema fornisce un familiare servizio simile a un telefono cellulare, che consente alle forze di terra di comunicare direttamente tra loro e con i loro comandanti, indipendentemente dalla posizione, a livelli di qualità più elevati e capacità molto maggiori di quelle oggi disponibili.

Il sistema di comunicazione MUOS ha completato una serie di eventi critici di test e valutazione e, nell’ottobre 2019, è stato valutato funzionalmente efficace, operativo adatto e sopravvivibile al cyber.

Secondo il contratto, dal comando dei sistemi di guerra navale di informazione, San Diego, California e annunciato venerdì, i lavori dovrebbero essere completati entro novembre 2029.

Tratto da: https://defence-blog.com/news/pentagon-awards-contract-to-general-dynamics-for-next-gen-military-communications-satellite-system.html

1 Trackback / Pingback

  1. Rete italiana ISM

Rispondi