Il Pentagono vorrebbe costruire un’antenna in un’area protetta e i cittadini preoccupati per le emissioni elettromagnetiche protestano.

Niscemi? No, le Hawaii (dove già sorge una base Muos)

Il nuovo radar dovrebbe essere costruito nell’isola di Oahu, all’interno delle zone sacre ai nativi hawaiani. La stessa isola che ospita la base di terra del Mobile User Objective System.

Nonostante sia stata attivata la procedura di impatto ambientale alto è il rischio che l’opera ricada in aree protette.

Intanto la popolazione inizia a mobilitarsi per contrastare l’opera, in difesa di un territorio formalmente tutelato, con grande preoccupazione per le emissioni elettromagnetiche dell’opera e la progressiva militarizzazione delle isole Hawaii

Vi ricorda qualcosa?

La rincorsa alla militarizzazione dello spazio registra ogni anno preoccupanti accelerazioni e le aziende dell’apparato industriale-bellico statunitense continuano a macinare profitti.

Il nuovo radar, ad esempio, è stato affidato alla Lockheed Martin, la multinazionale che ha costruito anche il Mobile User Objective System.

L’articolo è molto lungo ma vi consigliamo di leggerlo fino alla fine per cogliere le analogie con la vicenda Muos.

Il Pentagono vorrebbe costruire un’antenna in un’area protetta e i cittadini preoccupati per le emissioni elettromagnetiche protestano.

Con la differenza che le preoccupazioni per la devastazione delle aree protette e per le emissioni elettromagnetiche degli apparati militari questa volta vengono dagli Stati Uniti.

Il Pentagono vorrebbe costruire un’antenna in un’area protetta e i cittadini preoccupati per le emissioni elettromagnetiche protestano.

Il Pentagono prevede di costruire un radar da miliardi di dollari su un terreno sacro hawaiano per un sistema di difesa antimissile

Il Pentagono ha in programma di costruire un sistema radar da miliardi di dollari chiamato Radar della difesa nazionale delle Hawaii (HDR-H) nell’isola di Oahu, nelle Hawaii, per tracciare missili nucleari balistici in arrivo come parte del sistema di difesa missilistica degli Stati Uniti.

Una dichiarazione di impatto ambientale preliminare (EIS) individua due possibili posizioni per la stazione radar che occuperebbe circa 160 acri di terra: Kuaokala Ridge, adiacente al tracciamento satellitare Kaena Point Stazione (KPSTS) utilizzata per localizzare i satelliti e i detriti spaziali e due possibili siti nell’area di addestramento di Kahuku (KTA) sulla costa nord.

Un’indagine archeologica sulla cresta di Kauokala richiesta dal National Historic Preservation Act (NHPA) condotta dalla Keala Pono Consulting Company, ha identificato diversi siti di importanza storica e culturale nelle località proposte tra cui la Moka’ena Heiau situata nel punto più alto di Punto Kaena.

Tuttavia, organizzazioni scientifiche come The Bulletin of Atomic Scientists e Union of Concerned Scientists (UCS) hanno recentemente affermato che la difesa missilistica ha una scarsa esperienza di sperimentazione ed è inefficace per proteggere il suolo americano. La fine dell’EIS è prevista per il 2020 e la costruzione dovrebbe iniziare nel 2021.

Espansione della difesa antimissile da miliardi di dollari alle Hawaii e nel Pacifico

Il National Defense Authorization Act del 2017 imponeva all’Agenzia per la difesa antimissile (MDA) di sviluppare e mettere in campo un “radar di discriminazione” per migliorare la difesa delle Hawaii dalle minacce di missili balistici. “Discriminazione” si riferisce alla capacità di distinguere le testate effettive da detriti missilistici, contromisure e esche, che, secondo l’Unione degli scienziati interessati (UCS), tali sistemi radar non sono in grado di fare e non sono mai stati testati in scenari di vita reale .

L’HDR-H sarebbe utilizzato per supportare i sistemi di difesa antimissile presso il Pacific Missile Range Test Facility (PMRF Barking Sands) sul lato ovest di Kauai che ospita un Aegis “Ashore” Missili balistici del sistema di difesa (Aegis BMD). Sebbene il sistema Aegis Ashore non sia attualmente “dispiegato” su Kauai per essere usato in guerra, il Pentagono sta spingendo per “renderlo operativo”. Il PMRF ospita anche un sistema di difesa di area ad alta quota terminale (THAAD) utilizzato per difendersi dai missili in arrivo a corto e medio raggio eventualmente provenienti dalla Corea del Nord o dalla Cina.

Posizioni proposte per la costruzione e lo sviluppo del radar

Il Dipartimento della Difesa ha annunciato l’intenzione di costruire l’HDR-H il 1 ° giugno 2018 e ha avviato un processo di scoping per determinare potenziali siti alle Hawaii. L’EIS preliminare afferma che se il sito di Kuaokala Ridge fosse selezionato per HDR-H, le strutture esistenti presso KPSTS come l’Osservatorio elettro-ottico solare bloccherebbero la vista del radar e dovrebbero essere trasferite. Sarebbe inoltre necessario un ulteriore sviluppo dell’infrastruttura.

La legislatura dello stato hawaiano ha proposto un disegno di legge (H.B. n. 1396) nel 2019 per aiutare a fornire le enormi quantità di energia necessarie per HDR-H con fonti di energia rinnovabile. Il disegno di legge è in commissione per ulteriori azioni fino a quando il legislatore si riunirà il prossimo anno.

Siti sacri hawaiani nelle aree in cui potrebbe sorgere il radar

Un’indagine archeologica sulla cresta di Kauokala richiesta dal National Historic Preservation Act (NHPA) condotta dalla società di consulenza Keala Pono, ha identificato Moka’ena Heiau nell’area di potenziale effetto (APE) e ha raccomandato che fosse registrato sia presso il National che nel  Registro dei luoghi storici delle Hawaii. L’indagine ha inoltre raccomandato di proteggere Moka’ena Heiau (sito 188) con una zona cuscinetto e che l’accesso agli heiau dovrebbe essere reso disponibile agli operatori culturali e agli altri membri della comunità interessati.

Il punto di Kaena sulla cresta di Kuaokala ha un significato sia culturale che storico per il popolo hawaiano, ed è il sito sacro per gli Heiaus, come descritto nell’indagine archeologica. Storicamente, era il luogo in cui il profeta Kaanaana aveva predetto per la prima volta che le Hawaii avrebbero perso la sovranità sugli stranieri in futuro. Situato a 1.200 piedi sul livello del mare, questo è il più alto “heiau” documentato su O’ahu e la sua posizione offre ampie vedute del paesaggio e dell’oceano. Secondo il sondaggio, “la Moka’ena Heiau era particolarmente importante per la popolazione durante il periodo dell’imminente invasione di Kaua’i da parte di Kamehameha I.

L’heiau fu usato come punto di osservazione e luogo di preallarme per informare il popolo di Kaua’i del movimento di Kamehameha. A seguito del trattato di pace tra Kamehameha I e il Capo Kaumuali’i di Kaua’i, non era più necessario usare Moka’ena come luogo per dare l’allarme al popolo Kaua’i. Pertanto, l’heiau fu abbandonato.Gli operatori culturali condividono che “l’heiau era, ed è tuttora, usato da persone di religione indigena, Kānenuiākea, una religione nativa hawaiana riconosciuta dall’Associazione internazionale delle Nazioni Unite per la libertà di religione”. La MDA ha integrato le raccomandazioni dell’indagine archeologica nei loro piani, come mostrato in questi poster di scoping disponibili online.

Non è stato ancora condotto uno studio archeologico per i siti alternativi di KTA e Keala Pono Consulting e DLNR non hanno risposto alle richieste di informazioni sui siti di KTA. È ben documentato che l’area di sepoltura di Hanakaoe è un sito heiau situato a Kahuku, probabilmente nell’area del progetto che è stata aggiunta al Registro nazionale dei luoghi storici il 14 agosto 1973. Per determinare se deve essere condotto un sondaggio completo e altri siti si trovano nell’APE,

AmyPerruso, Legislatura dello Stato delle Hawaii, che rappresenta il Distretto 46, ha recentemente inviato una lettera al direttore delle strutture e della distribuzione della MDA, Martin F. Duke, in merito ai test geotecnici nei siti proposti: “Ieri il mio ufficio ha inviato una lettera all’Agenzia di difesa antimissile sui test geotecnici a Kuaokalā Ridge. Mentre la gente fa fatica a trovare riparo e gli hawaiani combattono per proteggere “l’āina, dovremmo chiederci: quando si tratterà della militarizzazione delle Hawai’i, quando sarà abbastanza?”

Che cos’è la difesa missilistica e perché non funziona?

L’HDR-H fa parte di una più ampia costellazione di sistemi radar di difesa missilistica che coprono il Pacifico e costerà oltre $ 4 miliardi. Lockheed Martin ha vinto il contratto per progettare e costruire l’HDR-H, che è uno spin-off tecnologico del loro sistema LRDR (Radar Discrimination Radar) da 1,5 miliardi di dollari in costruzione presso la Clear Air Force Station in Alaska, che sarà operativo entro il 2020.

HDR-P sarà implementato da qualche parte nel Pacifico, molto probabilmente in Giappone* per integrare il recente acquisto da $ 2,15 miliardi di due sistemi terrestri Aegis “Ashore” di sistemi di difesa antimissile missilistica (Aegis BMD), anch’essi realizzati da Lockheed Martin .

Entrambi i sistemi radar LRDR e HDR, insieme al radar “marino” X-Band (SBX) , supporteranno la difesa a medio raggio a terra (GMD), la base del sistema di difesa missilistica statunitense da 70 miliardi di dollari per proteggere gli Stati Uniti e gli alleati dai nemici missili balistici nucleari intercontinentali (ICBM). La parte “Midcourse” di GMD significa che il missile nucleare verrebbe intercettato mentre si trova nello spazio in avvicinamento al suo obiettivo. Il sistema MDA GMD utilizza 44 missili intercettori terrestri lanciati dalla base aeronautica di Vandenberg in California o Fort Greely, in Alaska. Questi intercettori sono anche ICBM ma invece di trasportare testate nucleari trasportano “Kill Vehicles” destinati a speronare le testate nucleari e distruggerle nello spazio prima di tornare sulla Terra e raggiungere i loro obiettivi.

Il Pentagono afferma che la nuova generazione di sistemi radar LRDR e HDR-H sarà in grado di discriminare tra testate di guerra e esche, ma non ci sono mai stati test in scenari del mondo reale con contromisure e esche. All’indomani del 11 settembre, il presidente Bush si ritirò dal Trattato sui missili antiballistici (ABM) che impediva alle nazioni di schierare sistemi di difesa missilistica. Bush ha esentato i sistemi di difesa antimissile dal processo di controllo e responsabilità richiesto da altri importanti sistemi militari ad alto costo. Quindi non ci sono prove sperimentali che questi sistemi radar enormi e costosi funzioneranno anche quando “dispiegati” senza test.

Recentemente, The Bulletin of Atomic Scientists ha affermato che la difesa antimissile ha una scarsa esperienza nei test ed è inefficace per proteggere gli Stati Uniti. Nel loro rapporto del 2016 Shielded from Oversight: The Disastrus US Approach to Strategic Missile Defense, l’UCS afferma “Nella sua forma attuale, la difesa missilistica strategica è uno spreco di risorse nella migliore delle ipotesi e pericolosa nella peggiore.

Non è una difesa affidabile nel mondo reale condizioni; promuovendolo come soluzione al conflitto nucleare, i funzionari statunitensi complicano gli sforzi diplomatici all’estero e perpetuano un falso senso di sicurezza che potrebbe danneggiare il pubblico americano. ” Ecco un video prodotto dall’UCS che dimostra il problema con la difesa missilistica degli Stati Uniti che gestisce semplici contromisure.

Difesa missilistica spaziale e armi

L’Agenzia per la difesa antimissile conosce queste carenze rispetto ai sistemi esistenti di terra e di mare che hanno comportato miliardi di profitti per gli appaltatori aerospaziali della difesa Lockheed Martin, Boeing e Raytheon negli ultimi decenni.

L’HDR-H verrebbe inoltre utilizzato con un sistema di difesa antimissile spaziale proposto per contrastare i missili ipersonici attualmente in fase di sviluppo da Stati Uniti, Cina e Russia. Gli Stati Uniti propongono un sistema di difesa antimissile spaziale composto da oltre 600 satelliti equipaggiati con armi laser al costo di centinaia di miliardi di dollari per contrastare i missili ipersonici. Sebbene il comando spaziale si basi sui componenti critici della terraferma per i combattimenti della guerra spaziale sono basati nelle Hawaii e nel Pacifico. Ecco un altro video prodotto da UCS che spiega perché la Difesa missilistica basata sullo spazio non è una buona idea per il pianeta Terra.

Difesa missilistica spaziale e armi

Sia che la Difesa missilistica rimanga sulla Terra o sia sviluppata nello spazio, le Hawaii saranno azzerate per le missioni MD, anche se ci sono molte prove che non sarà in grado di proteggere gli USa.

Governo locale e risposta della comunità a HDR-H

In seguito alla falsa segnalazione di missili nel gennaio 2018, il rappresentante hawaiano e il candidato presidenziale Tulsi Gabbard hanno chiesto un aumento delle spese per i sistemi di difesa antimissile nelle Hawaii e hanno votato per approvare la legge sugli stanziamenti del Dipartimento della Difesa 2019 che ha fornito finanziamenti per la difesa antimissile HDR-H per le Hawaii, affermando “Questa legislazione bipartisan fornisce finanziamenti per il radar di difesa nazionale presso le Hawaii, che aiuterà a difendersi da minacce complesse migliorando la capacità del Dipartimento della Difesa di intercettare un missile balistico in arrivo diretto verso il nostro stato.”

AmyPerruso, Legislatura dello Stato delle Hawaii, che rappresenta il Distretto 46, ha recentemente inviato una lettera al direttore delle strutture e della distribuzione della MDA, Martin F. Duke, in merito ai test geotecnici nei siti proposti: “Ieri il mio ufficio ha inviato una lettera all’Agenzia di difesa antimissile sui test geotecnici a Kuaokalā Ridge. Mentre la gente fa fatica a trovare riparo e gli hawaiani combattono per proteggere “l’āina, dovremmo chiederci: quando si tratterà della militarizzazione delle Hawai’i, quando sarà abbastanza?” Nella sua lettera Perruso ha chiesto,

“Sono preoccupato per la continua perdita della terra delle Hawaii per scopi militari. Attualmente, il nostro stato sta affrontando una carenza abitativa di oltre 60.000 unità. La nostra popolazione senzatetto rimane la più alta della nazione pro capite. Soprattutto, i nativi hawaiani rimangono alienati all’interno della loro patria: come dimostrano le recenti manifestazioni su Mauna Kea riguardo al proposto telescopio da trenta metri, la comunità hawaiana sta giustamente cercando di rimediare al loro storico “disenfranchising” e espropriazione dalle loro terre ancestrali. Bisogna chiedersi, quando si tratta della militarizzazione dell ‘aina , quando sarà abbastanza? “

La MDA ha tenuto riunioni pubbliche nel giugno 2018 per invitare i membri della comunità a partecipare al processo di scoping per preparare un EIS finale che dovrebbe essere fatto alla fine del 2020. Attivista nativo hawaiano di lunga data e membro fondatore di Madama Mākua Sparky Rodrigue era presente ad un incontro pubblico. Secondo Sparky:

“L’esercito USA continua l’attacco e l’invasione delle Hawaii. Un altro stato e DLNR hanno sanzionato l’abuso di terre protette e siti culturali sacri. La profanazione dei tesori nazionali delle Hawaii distrutti per sempre.”

Se un’autorizzazione fosse concessa da DLNR, la costruzione dovrebbe iniziare nel 2021, con una data di completamento nel 2023. Altri incontri si terranno su Oahu nel 2020 dopo il rilascio dell’EIS finale.

Per avere un’idea di cosa potrebbe includere l’EIS finale in relazione ai rischi per la salute e l’ambiente del sistema HDR-H, l’EIS finale di LRDR è stata completata nel 2016. L’Organizzazione mondiale della sanità ha un rapporto sui campi elettromagnetici e la salute pubblica: radar e salute umana.

Per ulteriori informazioni, visitare l’HDR-H visitare il sito Web MDA: https://www.mda.mil/news/hawaii_eis.html

Lettera completa da Any Perruso:

Il Pentagono vorrebbe costruire un’antenna in un’area protetta e i cittadini preoccupati per le emissioni elettromagnetiche protestano.

L’articolo è tradotto da: https://www.opednews.com/articles/The-Pentagon-Plans-to-Buil-by-Lynda-Williams-Boeing_Hawaiian_Missile-Launch_Nuclear-191117-669.html

Be the first to comment

Rispondi