[USA] Come il complesso militare-industriale sta usando il coronavirus

[USA] Come il complesso militare-industriale sta usando il coronavirus

Dopo la nostra conferenza contro le spese militari da parte dello stato italiano è il momento di guardare oltreoceano.

Anche negli Usa le produzioni belliche sono considerate essenziali. In un momento così difficile per gli Stati Uniti molti stanno cominciando a interrogarsi sul budget destinato al Pentagono, sottolineando il ruolo delle lobby del complesso militare-industriale nel tentare di cavalcare il coronavirus per spingere ulteriormente la produzioni di mezzi e ordigni.


I lobbisti dell’industria delle armi stanno affrontando questa pandemia e si stanno preparando per il futuro spingendo le vendite di armi.

Articolo di  William D. Hartung e Ben Freeman per The Nation

C’è una battaglia in corso per il futuro delle spese militari nazionali.

Da un lato, c’è un crescente consenso bipartisan sul fatto che il coronavirus abbia sostanzialmente cambiato il modo in cui dovremmo pensare alla sicurezza nazionale.

 Ben Rhodes, ex vice consigliere per la sicurezza nazionale alla Casa Bianca di Obama, recentemente sostenuto su The Atlantic che dobbiamo ripensare l’orientamento e le priorità del nostro governo, e “non ha senso che il bilancio del Pentagono sia 13 volte più grande di tutto internazionale budget per gli affari internazionali, che finanzia il Dipartimento di Stato, l’USAID e programmi globali presso altre agenzie “.

Kori Schake , direttore degli studi di politica estera e di difesa presso il Conservative American Enterprise Institute, ha affermato che “vedremo un’enorme pressione al ribasso sulla spesa per la difesa a causa di altri urgenti bisogni nazionali americani come l’assistenza sanitaria”.

Persino commentatori conservatori come Max Boot, che meno di due anni fa scrissero , “gli Stati Uniti stanno perdendo la capacità di difendersi”, ha recentemente scritto che “Invece di versare semplicemente più denaro nel Pentagono, dobbiamo sviluppare nuove capacità di combattere la disinformazione straniera, transazione dal petrolio e arresto della diffusione di pandemie. “

Dall’altro lato, nonostante questo sostegno da tutto lo spettro politico per ridurre il bilancio del Pentagono e concentrarsi maggiormente sulle minacce non militari alla sicurezza nazionale – un argomento che la Task Force del Centro per la difesa sostenibile del Centro internazionale ha fatto molto prima della pandemia di coronavirus – c’è uno dei più potenti attori della politica americana: il complesso militare-industriale.

Se la storia ci insegna qualcosa, il complesso militare-industriale non sta andando in rovina senza lottare, e nemmeno il bilancio del Pentagono. Attraverso i loro gruppi di lobbisti, la porta girevole tra Pentagono, appaltatori e Congresso e la promessa di offrire lavoro a tutti i distretti congressuali, gli appaltatori del Pentagono hanno mantenuto il bilancio della difesa gonfiato artificialmente per anni a spese del finanziamento di attività come i Centri per il controllo delle malattie e altre agenzie che possono aiutare a combattere i focolai di malattie. E, in questa nuova era di coronavirus, stanno usando di nuovo lo stesso copione.

Il potere del complesso militare-industriale di mantenere artificialmente alto il bilancio della difesa non è forse mai stato più evidente che negli ultimi nove anni in cui il bilancio del Pentagono era costantemente minacciato di essere ridotto dopo l’approvazione del Budget Control Act nel 2011 (BCA) . Mentre gli appaltatori del Pentagono denunciano il danno provocato dalla BCA, i loro lobbisti e sostenitori omettono un fatto chiave: il budget della difesa è effettivamente aumentato sotto la BCA a circa $ 750 miliardi all’anno, ben al di sopra dei livelli raggiunti durante il Vietnam o le guerre coreane.

Dopo l’entrata in vigore del BCA, le spese militari dovevano essere limitate a $ 5,4 trilioni di dollari in 10 anni, ma nello stesso periodo gli Stati Uniti hanno effettivamente speso $ 5,7 trilioni di militari. Ciò è stato in gran parte possibile grazie al fatto che il Congresso e i presidenti Obama e Trump hanno costantemente concordato di revocare i limiti alle spese per la difesa oltre a utilizzare il fondo per le operazioni di emergenza all’estero – che è stato descritto come un fondo fangoso – per evitare i limiti di spesa.

La lobby delle armi è ben posizionata per esercitare influenza sulla spesa del Pentagono in futuro. Centinaia di ex alti funzionari del governo – 645 nel solo 2018, secondo il Project on Government Oversight – hanno attraversato la “porta girevole” per lavorare per l’industria della difesa come lobbisti, dirigenti, consulenti o membri del consiglio di amministrazione. 

Ciò fornisce loro una traccia interna dei dibattiti sulle priorità di bilancio. 

E la porta girevole oscilla in entrambi i modi. Gli ultimi tre segretari della difesa sono stati rispettivamente un ex membro del consiglio di amministrazione di General Dynamics, un ex dirigente del Boeing e l’ex capo lobbista di Raytheon. Ancora più importante, il presidente Trump è stato il più grande sostenitore del settore delle armi, propagandando (ed esagerando) il numero di posti di lavoro creati dalle vendite di armi a paesi come l’Arabia Saudita.

Questa massiccia operazione di influenza ha già portato a prime vittorie per i produttori di armi nell’era del coronavirus. Boeing ha spinto con successo per miliardi di aiuti all’industria delle armi nel conto di stimolo da 2 trilioni di dollari, e i lobbisti dell’industria delle armi hanno spinto con successo per far sì che i produttori di armi fossero considerati attività ” essenziali ” durante la pandemia di coronavirus.

Mentre la battaglia per sconfiggere questa pandemia infuria, la battaglia per sconfiggere quella successiva è già iniziata e finora i lobbisti dell’industria delle armi stanno vincendo. Stanno facendo in modo che gli appaltatori del Pentagono continuino a prosperare, anche se priorità molto più pressanti di quelle che richiedono bombe richiedono la nostra attenzione. Invece di proteggere i profitti degli appaltatori, il Congresso deve scegliere di proteggere il popolo americano dalle minacce reali che stanno uccidendo migliaia di americani mentre parliamo.

Traduzione a cura del Movimento No Muos

Be the first to comment

Rispondi